Il materialismo erotico ...



Il nome psiche  deriva dal greco ψυχή  e significa "anima". Questa è una cosa risaputa, ma io mi sono chiesta qualcosa anche a proposito della derivazione di “soma”, anche perché, dopotutto, non mi sembra che Amore e Psiche scherzassero. Per parafrasare alcuni tra i miei più giovani amici, direi che i due ci davano dentro, piuttosto! E dunque, perché non scoprire anche la derivazione di “soma”? Qualcosa che ha a che vedere con il corpo, ma anche col basto dei somari, per l’appunto, e dei muli o di quanti altri portino pesi che gravano sulle loro schiene.

Insomma “soma” sta per corpo o per peso? Dal vocabolario non si evince una derivazione comune: soma, deriva dal greco soma e significa "corpo" , già, ma poi il soma, nell'antica religione indiana, è il succo di una pianta impiegato in riti religiosi per unirsi al divino (questa bevanda considerata sacra veniva preparata con l'amanita muscaria che rappresenta uno dei più antichi, potenti e diffusi allucinogeni naturali; era usata dai sacerdoti vedici nell'induismo più antico e portava salute, coraggio, longevità, intuizione ed immortalità) ed ancora, come se non bastasse, soma dal tardo latino sauma (variante di sagma) significa carico, onere, oppressione e chi più ne ha più ne metta.
Il soma degli induisti sembra tutta un’altra storia, ma quello di latini e greci potrebbe avere una radice comune: del resto uno è maschio (il soma) e l’altra è femmina (la soma).
Non credo sia un caso che molte ideologie religiose, e non, considerino il corpo appunto un peso, un gravame, un carcere dell’anima e mutatis mutandis  (volano tutte le nostre mutande per non parlare di quelle di Amore e Psiche) sono convinta che potessero pensarla così anche i sacerdoti che bevevano questo soma durante le loro cerimonie, tant’è vero che l’amanita muscaria è allucinogena.
Per tornare a cose più concrete non conosco nessuna fiaba che parli di Soma, né al maschile né al femminile, al massimo si sente dire “psicosomatico” per indicare sintomi fisici generati da squilibri e/o  disagi psichici o “somatopsichico” per indicare qualche attribuzione ad un profilo globale.
Ma Soma potrà mai amare o essere amato/a? quanti veramente credono che l’amore appartenga alla sola anima? Cos’altro è il corpo se non la nostra specifica individualità? Quella che rappresenta la nostra stessa esistenza, confinandoci al contempo in un tempo ed in uno spazio limitati entro cui si estende e distende la nostra vita, per cui sappiamo di essere, ma di non essere il Tutto Divino?
E voi chi amate i vostri cari o l’intero cosmo? E se volessimo tornare ad Amore e Psiche: li/e amate tutti/e o uno/a soltanto?
Visto che può essere declinato sia al maschile che al femminile, può darsi che il destino di Soma sia quello di amarsi da sé: un esempio di coppia chiusa.
A proposito si dice che dall’unione di Amore e Psiche sia nata “Voluptas” e dall’unione del Soma con la Soma cosa potrebbe nascere? Sta a vedere che nasce proprio un bambino vero (no, Pinocchio, no!) ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola