L'amicizia, ovvero "la critica della ragion sessuocentrica"


Pare che sia di Freud quella storia lì che l'amicizia è "amore a meta inibita". Che sarà poi questa storia della meta inibita, magari lo saprà forse Dio perché ho sentito parlare della sua onniscienza ... a meta inibita che? Ma perché? Quale sarebbe poi la meta dell'amore? Se l'amore avesse una "meta" (e dico méta e non metà) dovremmo considerarlo un secondo fine, ma che amore sarebbe con un secondo fine?
Un amore interessato!
E quale potrebbe essere il secondo fine più probabile?
Il sesso? Il denaro? Il potere sull'altro? Sarebbe allora proprio amore?

Semmai ha un senso trovare un accordo su qualcosa, quel qualcosa sicuramente dovrebbe essere il linguaggio, perché tutti capiscono sempre una cosa per un'altra, non stanno attenti, pensano ad altro, colgono qualche spezzone, provano a rispondere e ti accorgi che hanno capito proprio tutta un'altra cosa: che faccio? Insisto o rinuncio?
Sarò gentile: dico che non mi sono spiegata bene, però finitela di pensare ai casi vostri. Certo mi rendo conto che per voi sono di gran lunga più interessanti ... ma concentrarsi su qualcos'altro ogni tanto libera la mente e rilassa.
Provare per credere: vedo un film e sono lì, ci sono, leggo un libro e sono la storia narrata, guardo una persona negli occhi e ... provo a entrare, posso farlo, posso vedere attraverso gli occhi di un altro, posso provarci: sarà amore?
L'amore, quello che cura anche il dolore più distruttivo.
L'amore, quello che basta a sostanziare di senso la vita di una persona qualunque, perché si senta QUALCUNO, degno e meritevole dell'amore.
E cos'è dunque quest'amore, quante forme d'amore esistono? E perché l'amore fra uomo e donna dovrebbe essere considerato più completo di altre forme d'amore?
No, no, non volevo dir quello: non volevo parlare degli omosessuali: hanno già i loro guai, meglio non aggiungerne altri, se mi ci metto pure io ...
Insomma che si intende per amore e qual è il rapporto tra amore e sesso?
E l'erotizzazione, in senso lato, ovvero la corporeità presente nelle varie forme d'amore, dobbiamo chiamarla sesso?
Ma se il sesso è solo una delle espressioni della corporeità, considerare sessuale tutto ciò che è corporeo non è forse un modo distorto di percepire alcuni significati importanti?


Gli amici si abbracciano, si baciano ed ho sentito che, a volte, possono fare anche proprio sesso, così si rovinano le amicizie, perché quando entra di mezzo quello scattano fantasie, aspettative, gelosie e giochetti più che mai disparati.

Del resto nessun amore dura se non è fondato su una salda amicizia ...
"amici come prima!" "stai fresco, non pensarci neanche!"

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola