Percezioni



4591886606_c77ab1d391.jpg

Un pensiero  annegato come un granello d'oro in una goccia di rugiada pura non può coglierne forma, posizione, né senso, ma solo percepire la leggera, indecifrabile vertigine del suo scivolare lungo una foglia od un petalo o forse, sgocciolando precipitare nell'erba e ancora scivolare, consumando la propria essenza nella sua scia umida che rivela le fragranze di ogni corteccia e di ogni frutto che l'abbia raccolta, finché prosciugato, essiccato e carezzato dall'aria, s'invola e  scompare, magari dissolto, magari fermato da gocce di pioggia o, forse disperso nel fondo d'un fiore. Così ogni  vita che corre e non si sa dove e non si sa come, né se ha davvero una fine.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola