Cala il bastone e volano gli stracci ...



Questa volta gli stracci sembrano essere i giornalisti.
C'è questa stranissima cosa che è passata al senato in merito ai reati di diffamazione: allora il giornalista può andare in carcere, ma il direttore responsabile no.

Ora  se un giornalista scrive un pezzo, quale che sia, il suo direttore può decidere di pubblicarlo o censurarlo.
Il compito di un direttore responsabile dovrebbe essere questo: dare linee di indirizzo, affidare incarichi, controllare, rettificare, censurare  e decidere se un articolo è adatto o meno alla pubblicazione, di cosa è responsabile sennò?
Il giornalista non si è pubblicato da solo: allora perché due pesi e due misure?
Possibile che in Italia quando si fanno le leggi invece di ispirarsi a principi di equità si debba pensare a fatti e persone contingenti, decidendo chi proteggere e chi punire?


Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.