Clochard



"L'inverno ha l'aria fredda, come un abbraccio triste.
Non togliermi la speranza, anche se piove e nulla cambia nella nuvolaglia grigia e senza luce che mi schiaccia a terra con le ginocchia indolenzite e le ossa umide.
Viene l'inverno e viene la vecchiaia: la gente parla e passa oltre ed io cerco un anfratto, un portoncino per essere invisibile anche al cielo.
Il cielo, a volte, fa delle promesse: uno strappo ed un fascio di luce a cascata, brillante dei riflessi di mille goccioline.
Mi paiono i risvolti della trapunta grigia e pare che mi dica: "Sono  splendente anch'io,  traspaio della mia la luce".
Pare che mi dica: "C'è  ancora il cielo  azzurro saopra ogni cosa ed è sereno".
Ma  poi si chiude e piange e stronca quest'incanto.
E c'è chi parla tanto, chi tace e va di fretta, chi è ubriaco di vino per uccidere il freddo e forse,  anche un dolore.

Questo dolore:  ciascuno si porta dentro il suo e lo tiene coperto. Nessuno vede mai quello di un altro e non lo riconosce, ma  se lo riconosce lo disprezza.
È  debole il dolore e ancora urla dal fondo del suo precipizio senza dignità.
E aspetto, aspetto una promessa,  un sorriso che  sia caldo d'affetto per credere che il giorno non sia trascorso invano."

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola