Lettera a Kadima Ehud Olmert





Egregio signore,
oggi desidero salutarla, anche se non la conosco, per renderle atto della stima e del rispetto per  un uomo onesto e lungimirante, quale lei ha dimostrato di essere in questi giorni.
Certo: perché tutti possiamo contrapporci al nemico, ma occorre invece una elevata statura morale come la sua per contraddire gli amici, i familiari, le persone che ci sono care ed al cui affetto teniamo molto.
 Le dico queste cose perché ho appreso dalla nostra stampa che lei, contrariamente alla linea politica degli attuali governi di Israele e Stati Uniti, sta sostenendo la richiesta di riconoscimento della Palestina presso le nazioni unite e sta incoraggiando i suoi connazionali a fare altrettanto ed a definire quindi in forma ufficiale i confini tra lo stato di Israele e la Palestina, per mettere fine a questo eccidio.
Ho sperato a lungo di sentire voci come la sua levarsi all'interno della sua nazione, perché sono convinta che i principi fondamentali di umanità e giustizia siano universali e condivisi nell'etica di qualsiasi religione ed anche in quella laica, in quanto radicati nel sentimento di solidarietà umana che accomuna tutte le genti del pianeta. Non importa se lei non avrà modo o occasione di leggermi: sarei onorata se questo capitasse, ma se non accadrà, desidero con queste mie parole renderle pubblicamente onore innanzi a chiunque dovesse leggere queste righe.
Spero che voglia perdonarmi il pathos con cui scrivo, ma sono in gioco molte vite umane ed è da lungo tempo per me una sofferenza constatare che calcoli politici, economici ed altre cose simili possano rappresentare valori prioritari per governi e diplomazie rispetto a tanto sangue versato.
Lei mi sta restituendo un pizzico di fiducia nel genere umano e di questo devo esserle grata.
Con tutta la mia ammirazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola