Mondo precario



La  storia dei contratti a termine, che è andata per la maggiore negli anni passati come un contentino che avrebbe dovuto da un lato tacitare i giovani in cerca di prima occupazione e dall'altro favorire le istituzioni e le imprese fornendo forza lavoro più facilmente manipolabile e con minore spesa è un grosso nodo che sta giungendo ormai alla stretta del pettine. Nei giorni scorsi avevamo avuto notizia delle proroghe contrattuali per i precari delle pubbliche amministrazioni, i cui contratti risultavano in scadenza per lo più il 31 dicembre p.v., oggi sentiamo dell'intervento pubblico del ministro per la pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, il quale dichiara che non è possibile pensare ad una stabilizzazione in massa di tutti i precari che ammontano a 260.000, perché altrimenti non ci sarebbe più posto per i giovani negli anni futuri ....
Ora noi ci domandiamo: tutti questi precari non erano forse i giovani di 10 o 15 anni fa? E ora che questi vecchi giovani precari hanno raggiunto l'età di 35 o 40 anni, che facciamo? Li lasciamo a spasso per far posto ai ventenni? E quale sarà tra 10 o 15 anni la sorte di questi nuovi ventenni?
Siamo proprio sicuri che sia questa la strada maestra o non abbiamo la sensazione che qualcosa non quadri nel ragionamento?

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il cielo stellato (poesia)