Passa la legge contro gli omosessuali in Russia




In Russia è stata approvata a livello nazionale la legge che sancisce il divieto di propaganda omosessuale.
Il provvedimento è  passato con una maggioranza assoluta in parlamento e comporta di fatto il divieto di riferire  pubblicamente argomenti che riguardino il mondo della omosessualità.
 In effetti se la legge non  precisa cosa esattamente debba intendersi per "propaganda" questa valutazione rimane alla discrezionalità dei magistrati per ciascun singolo caso. Anche una relazione di carattere informativo riguardante l'incidenza del fenomeno e l'analisi degli aspetti sociali e di relazione familiare nel mondo omosessuale potrebbe essere considerata una forma di propaganda se utilizza un  mezzo di comunicazione pubblico e diffuso.
Qualunque cosa si voglia dire della omosessualità nel momento in cui la si dice pubblicamente rappresenta una comunicazione che implicitamente o esplicitamente rende visibile (e quindi pubblicizza) quest'area di emarginazione. I trasgressori saranno passibili di multe elevate, fino a 15.000 euro!
La cosa è passata nella pressoché totale indifferenza della opinione pubblica: esiste in Russia un movimento (LGBT = lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) che ha appena abbozzato una protesta davanti al parlamento, rapidamente repressa dalle forze dell'ordine.
Ciò che si teme evidentemente è la espansione del fenomeno "omosessualità" in un contesto culturale e legislativo più tollerante: eppure la repressione per se stessa non è mai bastata storicamente ad eradicare il fenomeno, neanche ai tempi delle deportazioni ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco, il parcheggio al porto: la protesta viaggia sui social

Torre Del Greco, criticità rifiuti: la risposta dell'Amministrazione

Torre Del Greco: dove si svolgerà la manifestazione commemorativa del 4 Novembre

L'Italia non è un paese per giovani: lavorano solo i vecchi

L'egemonia del Lombardo-Veneto: domani il referendum