Poeti e poesie (della serie: buona domenica!)





Il poeta è  uno che  abbandona la propria anima alla danza e non la cura se si sfianca o se eccede: può guardarla morire e cantarne l'agonia.
 Ma egli è anche il mago abile e disincantato che sa dirigere l'orchestra del suo sogno  bambino.
Il poeta conosce le parole:  le morde, le inventa, a volte le lancia in aria per farle volare, a volte le adagia come foglie cadute sull'acqua che scorre, lasciandole andare, fluire e annegare.
Egli sa  fare urlare la paura, ruggire la rabbia e sussurrare l'amore, né se ne vergogna: il pudore veste solo il suo cuore,   le sue parole, invece,  lacerano i veli.


Il poeta

Stordito
da un rumore
che non traduce il canto,
 lui strizza
un cencio logoro
di cuore disseccato
e ne distilla ambrosia
di parole.                                                             

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

L’ombra di Peter Pan

Il cielo stellato (poesia)