Boldrini e Grasso: autoriduzione degli stipendi.



20/03/2013

Laura Boldrini e Pietro Grasso  hanno fatto sapere ieri che intendono ridurre  i propri stipendi del 30%.
Questo vuole essere un piccolo segnale concreto del cambiamento di costumi che i due presidenti intendono portare nelle istituzioni.
Grasso vuole incrementare la "produttività" e portare l'orario di lavoro proprio e dei dipendenti a cinque giorni settimanali.
Il taglio di stipendi ed indennità lo si vuole estendere ad altre cariche interne, a tutto il parlamento ed anche ai dipendenti, con l'accordo dei sindacati di categoria.
L'obiettivo è di realizzare un risparmio complessivo tra il 30 ed il  50% dei costi dell'apparato.

Questo orientamento è stato portato alla conferenza dei capigruppo di Camera e Senato nel pomeriggio di ieri, dove si è inoltre stabilito di rivedere le norme che regolano i gruppi parlamentari.

Un motivo di disaccordo nato  con gli esponenti M5S sta nel fatto che tutti preferiscono aspettare la formazione del nuovo governo per istituire le commissioni parlamentari, che i 5 stelle invece vorrebbero immediatamente operative.

Laura Boldrini propone di destinare alla ricerca i fondi risparmiati  con i tagli ai parlamentari.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco: il penoso spettacolo delle spiagge invernali

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

La giornata FAI d'autunno: cosa c'è da vedere a Napoli

Abbracciami (poesia)

Torre Del Greco: stalker a 19 anni