Domenica di primavera in poesia

28/04/2013

La primavera a volte arriva con le tempeste, non sempre lo zefiro accarezza i petali appena sbocciati.
A volte quella delicatezza tenera ed indifesa è preda di violente intemperie che lasciano cicatrici scure sui fiori, per sempre, anche quando il sole torna a risplendere.

Quelli che vi dedico oggi col mio solito augurio di buona domenica, sono versi vecchissimi, scritti in una delle mie vite precedenti, non saprei se d'amore o di smarrimento ...


Veglia

Smarrita
dove non c'è senso,
la notte consuma
la sua pace.
Negli occhi
polvere di strada:
segreti
delicatamente raccolti
e traditi.




                                                                                                                                             

               
                
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco, il parcheggio al porto: la protesta viaggia sui social

Torre Del Greco, criticità rifiuti: la risposta dell'Amministrazione

Torre Del Greco: dove si svolgerà la manifestazione commemorativa del 4 Novembre

L'Italia non è un paese per giovani: lavorano solo i vecchi

L'egemonia del Lombardo-Veneto: domani il referendum