Domenica di primavera in poesia

28/04/2013

La primavera a volte arriva con le tempeste, non sempre lo zefiro accarezza i petali appena sbocciati.
A volte quella delicatezza tenera ed indifesa è preda di violente intemperie che lasciano cicatrici scure sui fiori, per sempre, anche quando il sole torna a risplendere.

Quelli che vi dedico oggi col mio solito augurio di buona domenica, sono versi vecchissimi, scritti in una delle mie vite precedenti, non saprei se d'amore o di smarrimento ...


Veglia

Smarrita
dove non c'è senso,
la notte consuma
la sua pace.
Negli occhi
polvere di strada:
segreti
delicatamente raccolti
e traditi.




                                                                                                                                             

               
                
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.