La compagnia di navigazione Costa: da indagata a parte civile nel processo per il naufragio della Concordia

                                                                                                              10/04/2013

La compagnia di navigazione Costa ha ottenuto il patteggiamento, finendo col concordare una sanzione amministrativa di un milione di euro per le responsabilità addebitabili alla compagnia nel naufragio della Concordia del 13 gennaio 2012, nel quale persero la vita 32 persone (30 morti e due "dispersi").
La decisione è stata presa dal gip di Grosseto, Valeria Montesarchio, ed accolta con soddisfazione dal collegio difensivo della compagnia.
Da oggi quindi Costa Crociere spa è fuori dall'inchiesta, ma i suoi avvocati spiegano che si costituiranno parte civile nel processo per chiedere il risarcimento dovuto per la perdita della nave.
La richiesta sarà formalizzata all'udienza preliminare del 15 aprile.
Il valore di mercato di una nave come la Concordia è ben più alto di un milione di euro: si aggira infatti sui 450 milioni di euro.
La la prima  sensazione è che la compagnia di navigazione finirà per guadagnarci e parecchio.

Commenti

Post più popolari