M5S: occupata la sala "Mappamondo". Parte la votazione online per il Quirinale

                                                                                             11/04/2013

I parlamentari "grillini" oggi hanno tentato di occupare le sale destinate alle commissioni parlamentari, per protestare contro la mancata costituzione delle stesse,  ma essendogli stato negato l'accesso a queste sale dai Questori, si sono fermati ad occupare la sala "mappamondo".
Si intende così dare visibilità e risalto anche alla iniziativa dei 5 stelle per la votazione dei "papabili" al Quirinale scelti dalla base militante del movimento:

"Oggi, giovedì 11 aprile 2013, gli iscritti al MoVimento 5 Stelle al 31 dicembre 2012, che abbiano inviato i documenti digitalizzati, potranno proporre il loro candidato per la Presidenza della Repubblica fino alle ore 21. I primi dieci candidati saranno in seguito, il giorno lunedì 15 aprile, votati per scegliere il nome che sarà indicato dal gruppo parlamentare del M5S. Coloro che hanno il diritto di proporre il prossimo Presidente della Repubblica riceveranno una email con le istruzioni dopo le ore 10 di questa mattina."

L'intento di Grillo, come esplicitato nelle righe che seguono a questa nota informativa pubblicata sul suo blog, sta nel dimostrare che, mentre gli altri fanno "inciuci" a porte chiuse, il M5S indice votazioni pubbliche: chissà se la base in tutto questo gran fermento si dimenticherà della "scampagnata" a Fiumicino, dove i parlamentari grillini sono stati "deportati" restando fino all'ultimo all'oscuro di quale fosse il luogo segreto scelto dal loro leader per fare i conti con le aree di dissidenza. 
Gli italiani, si sa, hanno memoria corta in politica e lo hanno già abbondantemente dimostrato nelle vicende relative ai vari governi Berlusconi, sicché ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco: il penoso spettacolo delle spiagge invernali

Torre Del Greco: le strade discariche di rifiuti

Quel gran pasticcio della cheesecake (ricetta o quasi)

Corruzione quotidiana: i dati Istat

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo