Pensiero lirico per gli emigranti


                                                                                                                             07/04/2013

Sembra sia arrivata la primavera: l'aria si è fatta mite ed è andata via la pioggia. 
Con il mio augurio di una buona domenica, vi dedico oggi una poesia che contiene un pensiero per gli immigrati e gli emigranti: quelle persone che cercano nel mondo una risposta ed una via di fuga dalla miseria e dalla morte verso la speranza di un nuovo inizio.
Non solo gli extracomunitari che ospitiamo nel nostro paese, ma i tanti giovani che ne stanno partendo.



L'emigrante                                             


Partii un giorno
 e fra tanti,
strappate le radici
e recise
dall'umida terra,                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      
che prima ha vibrato
al mio grido natale.
 Negato allo sguardo
 l'orizzonte
piano ed aperto
 del mare
 inquietato dall'onde 
e delle distese
di sabbia e deserti.
Distante, ma stretto
alla casa
dei volti già noti
all'affetto
dai vividi sguardi
e mesti sorrisi.
Sopite memorie                                                                                     
di nenie e canzoni
di festa
parole dirette
che in terra straniera
non odo.
E quanto all'amore
lasciato laggiù
consuma il pensiero
e lo serra alla pena,
ma ancora conforta
chi è solo.
Ma qui sconosciuta la gente
ed avara
mi guarda sfuggente
e scantona.
Vò ancora cercando
non tutto,
ma il nulla neanche
e solo ne canto la storia.

Commenti

Post più popolari