Reggio Emilia: educato a frustate un bimbo di 8 anni



02/04/2013

Accade nella provincia di  Reggio Emilia: i vicini  di casa sentono urlare disperatamente il bambino ed al tempo stesso lo schiocco della frusta, così chiamano la polizia.
La notizia viene riferita oggi in una nota dell'ANSA: il padre un uomo di origine senegalese di 45 anni è stato arrestato, il bambino è ricoverato con 30  giorni di prognosi. Lo strumento usato dal padre per frustare il ragazzo era un cavo elettrico che è stato rinvenuto nell'abitazione.
L'uomo, che all'arrivo dei carabinieri aveva tentato di dissimulare l'avvenuto, si è poi giustificato spiegando che doveva "educare" il ragazzo.
Oggi sembra una abominevole assurdità, ma fino ad una ottantina di anni fa i sistemi repressivi di educazione e le punizioni, cosiddette corporali, erano la regola anche nella nostra cultura, ammesse anche nelle scuole, dove i ragazzi venivano "educati" a suon di bacchettate e castighi in ginocchio sui chicchi di mais.
Nelle terre i contadini non usavano cavi elettrici, ma la pompa dell'acqua, trovandosela già a portata di mano per innaffiare i campi. In città alcuni padri si trovavano più a proprio agio con le cinture dei pantaloni ...
La stessa cultura  ratificava quanto meno  con la tolleranza, se non proprio con il consenso tanto il maltrattamento e l'abuso dell'infanzia, quanto quello sulle donne.
Questa è la storia, ma ancora oggi, anche se la legge condanna gli atti di violenza fisica, la mentalità che in qualche misura accetta e riconosce il diritto del più forte è assai dura a morire  ed in nessun altro luogo come fra le mura domestiche si consumano gli abusi peggiori, reiterati nel tempo fino a logorare il corpo ottundere l'intelligenza e spezzare la volontà. Una piaga che ancora non vuol guarire.


Commenti

  1. C'è un vecchio saggio napoletano che la dice tutta su questa storia delle punizioni corporali ai bambini: "mazze e panelle fanno 'e figlie belle, panelle senza mazza fanno 'e figlie pazze". Insomma, educarli da piccoli alle vicende della vita, che non sempre porta solo doni ... ;-)

    RispondiElimina
  2. Conosco il detto ... ma le mazze potrebbero essere solo metaforiche? (io domando, eh?)

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola