Abusi all'infanzia: arrestate a Roma maestra di asilo pubblico e coordinatrice

                                                                                                         15/05/2013

Non sempre la professionalità che una persona sceglie corrisponde ad una autentica vocazione: accade purtroppo che essa possa, invece, soddisfare  la propria inclinazione perversa.
Questa è la riflessione che scaturisce dalla notizia trasmessa oggi da diversi organi di stampa e  relativa all'arresto di una insegnante cinquantasettenne operante in una scuola materna pubblica romana.
La donna è stata denunciata dai colleghi ed alcuni genitori per i comportamenti vessatori, gli insulti e le mortificazioni inflitte abitualmente alla sua scolaresca di età compresa tra i quattro ed i cinque anni.

Le condotte scorrette erano state denunciate da alcuni colleghi alla coordinatrice scolastica, 63 anni, responsabile del controllo e della vigilanza, ma le segnalazioni interne non avevano avuto alcun seguito,perché la dirigente preferiva tollerare questi comportamenti, piuttosto che mettere a rischio "il buon nome" della scuola.
Le denunce sono state quindi inoltrate alla polizia (commissariato di San Basilio, coordinato da Adriano Lauro) che è riuscita ad ottenere riscontri oggettivi del reato, utilizzando telecamere nascoste: "scemo, zozzo, bastardo" alcuni degli epiteti ordinariamente utilizzati dall'insegnante all'indirizzo dei bambini più deboli e disagiati, intimidazioni, minacce e mortificazioni davanti all'intera classe ed ancora più odiosa la pratica di istigare altri bambini a comportamenti violenti verso i fragili ed i designati, come ordinare ad un bimbo di picchiarne un altro.
Il tutto registrato dalle telecamere. Attualmente insegnante e coordinatrice sono agli arresti domiciliari.
Del caso si occupa la procura di Roma.

OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia