Amministrative 2013: vince l'astensionismo

 27/05/2013

Alle 15,00 di oggi sono stati chiusi i seggi per le elezioni comunali di 563 Comuni in Italia.
Il dato secco che risalta in primo piano, in base a quanto trasmesso alla stampa dal Ministero dell'Interno è la riduzione dell'affluenza rispetto alle precedenti amministrative: siamo a -15% mediamente su scala nazionale ed addirittura a -21% nella città di Roma, considerata una cartina al tornasole, i cui dati si rappresentano come maggiormente significativi  degli umori degli italiani nell'attuale momento storico e politico.
In pratica vince l'astensionismo: sempre più i cittadini disinvestono e rinunciano alla partecipazione attiva alla vita politica del paese.
Effetto del governo di "larghe intese"? Effetto della progressiva sfiducia che è venuta maturando nel corso degli ultimi anni e del vissuto di impotenza che ne deriva in chi si vede troppe cose passare al di sopra della testa? Difficile a dirsi.
Secondo dato secco: il crollo dei consensi del Movimento 5 stelle. 
A Roma risulta  in testa Ignazio Marino con il 40,8% dei voti, segue Gianni Alemanno con il 31,2%, mentre il candidato 5 stelle Marcello De Vito, si ferma al 12,8% a fronte di un 27,7% di consensi che il movimento aveva incassato alle elezioni politiche di Febbraio: forse la politica della chiusura, dell'insulto sterile e  e del "non dialogo"  non paga.


OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il bambino epilettico a scuola

Il cielo stellato (poesia)