Basaglia, 35 anni dopo

                                                                                                                    15/05/2013

Lunedì scorso, il 13 maggio alle 12,00  è stata presentata alla stampa, a Roma presso la sede dell'UNICEF in via Palestro, una proposta di legge di iniziativa popolare: la proposta di legge 181 la cui stesura è stata curata dal gruppo "le parole ritrovate".
Si tratta di un movimento diffuso sul territorio nazionale, nato nel 2000 con l'intento di far incontrare e confrontare utenti, famiglie ed operatori che vivono ed affrontano quotidianamente le problematiche legate al disagio psichico.


Oltre 30 anni fa la rivoluzionaria legge Basaglia (L. 180  del 13/05/1978) sancì alcuni principi all'epoca assolutamente innovativi, quali:
- la chiusura dei manicomi
- la volontarietà dei trattamenti psichiatrici, salvo i casi di T.S.O. limitati a situazioni specifiche e particolari
- la necessità di svolgere prevalentemente in ambito extraospedaliero tutti gli interventi di cura, assistenza e riabilitazione degli utenti con disagio psichico.


A 35 anni di distanza restano ancora numerosi i nodi problematici non superati,  soprattutto relativi alla disparità di trattamento e di servizi presenti nei diversi territori italiani.
Gli obiettivi del  movimento consistono essenzialmente nel proporre prassi realizzabili su tutto il territorio nazionale, che vedano coinvolti i familiari ed  i pazienti con disturbi psichici, rendendo la partecipazione di operatori e famiglie l'elemento trainante di ogni progresso nel settore  per contrastare così le tentazioni reazionarie di controriforma e di ritorno al passato.
Il dato critico infatti è l'inadempienza istituzionale e l'inadeguatezza delle strutture psichiatriche esistenti, ma ciò che non si vuole è proprio che siano gli utenti a pagare il prezzo di questa incompetenza istituzionale, né che la insufficienza delle strutture esistenti possa rappresentare un alibi per chi vuole tornare indietro nella legislazione psichiatrica.

A partire dal mese di giugno e per sei mesi verranno raccolte firme a sostegno della proposta di legge 181 per la garanzia delle cure  dovute ai malati psichici.

Attualmente le persone che soffrono di disturbi psichici in Italia sono 500.000 e con loro le persone che ne condividono nel quotidiano gli affetti e gli spazi abitativi, praticamente, in una stima approssimativa, si tratta di una problematica che coinvolge più di due milioni di persone tra utenti e familiari.
Ciò che a questo punto deve essere aggiunto è che i costi per i servizi necessari ad una assistenza dignitosa sul territorio (case famiglia, centri di riabilitazione psicosociale, assistenza domiciliare, etc) sono evidentemente di gran lunga superiori a quelli della istituzione totale di tipo manicomiale.


  OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

L’ombra di Peter Pan

Il cielo stellato (poesia)