Continuano le polemiche intorno a Cecile Kyenge

                                                                                                                                               01/04/2013

Continuano le polemiche intorno alla figura del nuovo ministro per l'integrazione. Oggi il ministro per le pari opportunità, Josefa Idem, ha dato mandato all'ufficio nazionale antidiscriminazione di avviare un'istruttoria per il reato di istigazione all'odio razziale da parte dei siti responsabili degli insulti rivolti a Kyenge.  l'Unar, intanto a sua volta, ha immediatamente chiesto alla polizia postale di rimuovere tutte le espressioni razziste.
Mario Borghezio (eurodeputato delle Lega Nord) uno dei protagonisti  della campagna denigratoria contro la Kyenge, imperterrito, continua a parlare di governo del "bonga bonga".
Chissà, poveretto  forse preferiva il "bunga bunga".
Ma ancora non è finita: Luca Zaia, presidente leghista della regione Veneto, chiama in causa Kyenge, che a suo avviso, dovrebbe visitare una turista austriaca, vittima di stupro da parte di due extracomunitari.

Ci si chiede il perché di questo inedito invito ad un ministro per l'integrazione:  trattandosi di violenza su una donna forse il ministero delle pari opportunità avrebbe maggiore attinenza alla materia, ma  di sicuro avrebbe maggiore utilità per la vittima (cui per inciso va tutta la nostra solidarietà) la visita da parte di qualche buon  psicologo  piuttosto che  di un ministro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco, il parcheggio al porto: la protesta viaggia sui social

Torre Del Greco, criticità rifiuti: la risposta dell'Amministrazione

Torre Del Greco: dove si svolgerà la manifestazione commemorativa del 4 Novembre

L'Italia non è un paese per giovani: lavorano solo i vecchi

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo