I talebani contro la distruzione delle piantagioni di oppio

                                                                                                                                      01/05/2013


Il ministero afghano per la lotta al traffico di droga ha reso noto  a Kabul che la campagna 2013 mirata alla distruzione delle piantagioni di oppio è costata fino ad oggi la vita a 131 uomini delle forze dell'ordine. 
La campagna è iniziata da circa un mese e mezzo, ma dei 15.000 ettari di piantagioni, obiettivo della campagna, fino ad oggi ne sono stati distrutti soltanto circa un terzo e questa operazione ad oggi è costata 131 morti ed 86 feriti tra i militari che portano avanti l'operazione. Questo bilancio drammatico, secondo quanto riferito dalla stampa locale è dovuto alla forte opposizione dei talebani.
Il rapporto informativo dal ministero afghano è giunto come risposta alle preoccupazioni espresse dall'ONU per la crescente produzione di oppio afghano. 
La notizia viene trasmessa oggi dall'Ansa

Ora la cosa che fa riflettere è proprio questa forte opposizione dei talebani: il talebano dovrebbe essere uno studente delle scritture sacre, certo sono integralisti, nazionalisti, organizzati militarmente, ma in primo luogo ispirati da un credo religioso, che proibisce fra e tante cose anche l'uso di droghe.
Nel 2000 i talebani vietarono la produzione di oppio che pertanto si ridusse dalle 4000 tonnellate del 2000 alle 82 tonnellate del 2001. Purtroppo però a partire dal 2002 la produzione ha ripreso a salire drammaticamente. Cosa è successo? Secondo il rapporto strategico dell'International Narcotics Control del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti (INCSR), del marzo 2001, i talebani, che controllano il 96% del territorio dove vengono coltivati i papaveri, ne promuovono la coltivazione per finanziare l'acquisto di armi e le operazioni militari.

Il volume di affari dei narcotrafficanti si aggira intorno ai 70 miliardi di dollari, di cui tuttavia solo il 5% restano in Afghanistan, secondo la valutazione di Ibrahim Azhar, esperto del ministero afghano. Tradotto in italiano comprensibile, ciò vuol dire che i talebani hanno il 5% delle ragioni per ostacolare la distruzione delle piantagioni, rispetto ai loro complici internazionali ....



Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il cielo stellato (poesia)