L'aumento dei costi al consumo colpisce i più poveri!

                                                                                                                          10/05/2013

I dati Istat sono chiari: l'inflazione e l'aumento dei prezzi hanno gravato soprattutto sui beni di consumo alimentari e sui costi dell'energia, in altre parole sulle voci non eliminabili dal bilancio domestico, sicché tra il 2005 ed il 2012 l'aumento di spesa per le famiglie è stato del ben 20,2% per i nuclei familiari meno abbienti, quelli che già spendevano e spendono meno, limitandosi prevalentemente ai generi di prima necessità, ma solo del 16% per le famiglie che invece sono più ricche e quindi spendevano e spendono di più.

Ora questo è un dato del quale tenere conto quando si parla di sistemi di tassazione ed anche di "sovranità monetaria" nazionale: deve essere a tutti chiaro che l'inflazione rappresenta una perdita del potere d'acquisto per tutti, senza tutela per le fasce di reddito basso, anzi, per la legge di mercato (quella famosa della domanda e dell'offerta) siccome la richiesta per i generi di prima necessità finisce per essere proprio quella che non può diminuire o comunque diminuisce meno e per ultima, saranno proprio questi prezzi a mantenersi più alti  con la conseguenza che saranno comunque i più poveri a farne le maggiori spese.

La tassazione, simpatica o antipatica che sia, può essere distribuita in modo da non penalizzare i redditi più bassi, l'inflazione  no: segue la legge di mercato.


OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Verdure imbottite (ricetta)

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il cielo stellato (poesia)