Ricetta della parmigiana di melanzane

                                                                                                                        19/05/2013

Ecco: questa è una roba buonissima da mangiare, ma se volete prepararla con le vostre manine d'oro dovrete spendervi un pò di tempo. Siccome oggi è domenica e non si sa mai che possiate essere presi/e dal sacro fuoco dello spignattamento artistico e creativo, io mi azzardo a passarvi la ricetta.
Non ho cronometrato, comunque ci vuole un pò per la preparazione: un paio d'ore prima di mangiarla vi dovete muovere.

Allora: voi prendete le melanzane. Vi prego: non è per discriminatorio razzismo  ortofrutticolo nord sud, ma al nord talvolta si trovano queste melanzane a palla e piene di semi, ecco! Quelle non le prendete! Se le prendete, usatele per qualcosa d'altro: la melanzana deve essere quella lunga ed affusolata, di terra asciutta e deve essere perfetta, non la dovete fare a funghetti, ma a parmigiana!


Ecco, adesso che avete quelle giuste, sbucciatele con cura e tagliatele a fettine lunghe, ovvero seguendo l'asse maggiore, verticalmente diciamo, man mano che le tagliate disponetele in un piatto e cospargetevi sopra grani di sale grosso. Quando avete finito questa operazione coprite con un altro piatto rovesciato e mettetevi sopra un peso (che ne so, un barattolo pieno di qualcosa).
Lasciate riposare per un'ora: le melanzane devono cacciare l'acqua.

Mentre aspettate, ora vi spiego: come per ogni piatto tradizionale, ciascuno ha la sua ricetta e vi sono molte varianti. Quella che io vi propongo, non è proprio la più antica ed ortodossa, che andrebbe fatta semplice senza né uovo, né mozzarella e solo col sugo e parmigiano, ma è invece, quella che io ho sempre mangiato e posso garantire che è buona!

Dunque se è passata quell'oretta, scoprite il piatto con le melanzane, colate tutta quell'acqua scura che si è formata, sciacquate un pò con acqua fresca per ripulire i residui di sale e quindi strizzate: si, avete capito bene, dovete prendere a fascetti le fettine di melanzane e strizzarle delicatamente nel pugno, senza romperle.
A questo punto mettete delle uova in un piatto (quante? E voi quante melanzane avete fatto?) e sbattetele, intanto  preparate anche un piattino con un pò di farina: ciascuna fettina di melanzana va infarinata e passata per l'uovo sbattuto (devo dirvi che nell'uovo sbattuto ci va un pizzico di sale e di pepe? ma non siete proprio mai entrati in una cucina? No, perché nel caso la parmigiana non è consigliabile come piatto d'esordio).
Fate bollire in un tegame olio da frittura ed una alla volta friggete le vostre melanzane, dorandole da entrambi i lati e poi asciugandole su carta assorbente: per la verità sono già buone così (la famosa melanzana indorata e fritta) ma voi vi siete fissati che le volete fare a parmigiana ....
E allora proseguiamo: voi preparate una bella salsa di pomodoro passato, prendete una bella mozzarella di bufala freschissima un pezzo di parmigiano e tanto basilico. Mi rifiuto di spigarvi come si prepara la salsa di pomodoro e ve lo ripeto: se è la prima volta che entrate in una cucina lasciate in pace la parmigiana, non è per voi! Dunque prendete un ruoto, mettetevi al fondo un pò del vostro sugo di pomodoro facendolo spandere e quindi disponete uno strato di fette di melanzana, sopra un paio di cucchiaiate di salsa,  mozzarella a tocchetti, basilico e tanto parmigiano grattugiato, quindi altro strato: stesso trattamento fino ad esaurimento ingredienti. Infornate in forno preriscaldato a 180° e fate cuocere fino a doratura della superficie. Naturalmente deve asciugare un pochino (la mozzarella caccia parecchia acqua, c'è che preferisce la provola) ma non essere secca: 40-50 min. di forno dovrebbero bastare, poi dipende dal forno.

Buon appetito!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola