Spaghetti con le vongole

                                                                                                                       12/05/2013

Premetto che su questo argomento esistono diverse scuole di pensiero: senza pretendere perciò di starvi offrendo la verità rivelata, vi propongo la mia personale ricetta in coda alla quale farò cenno ad alcune possibili varianti sul tema.

Per prima cosa dovrete comprare le vongole ed il pomodoro: tutti gli ingredienti per la preparazione di questo piatto devono essere freschissimi e di prima qualità. Si tratta infatti di una preparazione semplice e di una cottura breve,  non è un intingolo e di conseguenza la qualità degli ingredienti è più importante della vostra abilità.

Per 4 persone potete comprare circa 1 Kg di vongole o vongole e lupini mischiati: devono essere vivi quando li comprate (sennò, come diceva Totò, desistete) vi occorrono circa 300 gr di pomodorini preferibilmente quelli cosiddetti di "sfungillo" che sarebbero poi quelli raccolti a grappoli e conservati appesi, ma se non avete proprio idea di cosa si tratti, ovvero vivete in padania, allora in subordine, potete usare i pomodorini di terra asciutta, quelli col pizzo e ben maturi (ammesso che in padania li troviate).

Bene vi occorrono anche olio extravergine di oliva, aglio,  un mazzetto di prezzemolo (che dicono sia anche afrodisiaco) freschissimo e, naturalmente, peperoncino piccante.

Ora che avete tutti gli ingredienti, procedete come segue: sciacquate bene le vongole e poi mettetele in una pentola coperta sul fuoco per farle aprire. Attenzione: non devono cuocere tanto, devono solo aprirsi.
Sgusciatele e mettetele in un piatto, potete lasciare qualche vongola (di quelle più grosse) con il guscio per decorare i vostri piatti. In fondo alla pentola resterà l'acqua cacciata dalle vongole: dovete filtrarla usando un canovaccio candido di tela, pulito ovviamente. Parte dell'acqua filtrata la metterete sulle vongole sgusciate per non farle seccare troppo, il resto tenetelo in una tazza perché vi servirà tra poco.

In un tegame fate soffriggere uno spicchio di aglio fresco nell'olio di oliva, finché non sia dorato e quindi mettetevi su i pomodorini che avrete preventivamente lavato e schiacciato per liberarli dai semi, togliete l'aglio, coprite e lasciate cuocere un poco il pomodoro, finché si ammorbidisce bene, aggiungete un peperoncino piccante spezzato in due o tre parti. A questo punto aggiungete l'acqua delle vongole: per gli inesperti devo precisare che in questo sugo non si mette il sale (le vongole fresche vi cacciano acqua di mare e sono già abbastanza salate) coprite e lasciate cuocere ancora un pochino.
Nel frattempo preparate un trito di prezzemolo fresco ed un mezzo spicchietto d'aglio tritato finemente e tenetelo da parte in un piattino. Quando il pomodoro è cotto aggiungete nel sugo le vongole e riportate l'ebollizione: spegnete il fuoco, cospargete sul sughetto il vostro trito di prezzemolo e coprite la pentola.

Con questo sugo potete condire spaghetti o linguine: spero di non dovervi spiegare come si cuociono gli spaghetti!

Alcuni (soprattutto i ristoranti) preferiscono non sgusciare le vongole (così sembrano di più) altri preferiscono usare i pelati nel sugo, alcuni usano pochissimo pomodoro, altri abbondano un pò di più.

Io naturalmente consiglio la mia ricetta: è la migliore!

Commenti

Post più popolari