Tramonta il sole

                                                         04/05/2013


A volte all'imbrunire, quando è bonaccia, la superficie del mare non è neanche increspata, ma appena animata da onde piccole e lunghe, così lisce e lente da dare l'impressione che siano dense e compatte come olio, invece che acqua.  Così su di esse scivolano  più veloci i pensieri nella vertigine di questo ciclo di ritorno  quasi impercettibile e vanno verso la luce, che li attrae risucchiandoli all'orizzonte dove si  smarriscono e giocano a  nascondersi ed occhieggiare in un riverbero di luce di un rosso arancio, nell'incupirsi di un tinta d'azzurro e d'un bianco rosato, finché il profilo dei monti e della costa sprofonda nel nero della notte.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.