Adnan Rasheed scrive a Malala per scusarsi o forse per "consigliarla"

17/07/2013


Oggi il canale britannico Channel 4 pubblica una lettera scritta a Malala: certo lei ne ha ricevuto migliaia, ma questa viene da Adnan Rasheed, il leader del movimento talebano che ha rivendicato l'attacco contro la ragazza!
Di seguito lo stralcio iniziale:

"NEL NOME DI ALLAH  IL PIU'  CLEMENTE E BENEFICO
Da Adnan Rasheed a Malala Yousafzai
Pace a coloro che seguono la guida di Malala Yousafzai.  
Ti scrivo  a titolo personale: questa potrebbe non essere l'opinione politica  di Tehreek e Taliban Pakistan o di altra fazione e gruppo jihadista .
Ho sentito parlare di te attraverso il servizio della BBC Urdu per la prima volta, quando ero in prigione a Bannu,  volevo scriverti, e consigliarti di astenerti da attività anti-talebani in cui eri coinvolta,  ma non riuscivo a trovare il tuo indirizzo e stavo pensando come approcciarti con uno pseudonimo,  tutte le mie emozioni erano fraterne per te, perché noi apparteniamo alla stessa  tribù Yousafzai . Finita la  prigione  avrei dovuto trovarmi in clandestinità. Quando  sei stata attaccata è stato scioccante per me, avrei voluto che non fosse mai accaduto ed averti avvisato prima. I  talebani ti hanno attaccato, se sia stato  islamicamente corretto o sbagliato, o che tu  meritassi di essere uccisa o no, non entro in questo argomento ora , lo lasciamo ad Allah Onnipotente, Egli è il miglior giudice. Qui voglio avvertirti, giacché sono già in ritardo, e se ti avessi consigliato, come avrei voluto, durante il tempo della mia prigionia, questo incidente non sarebbe mai accaduto. Prima di tutto per favore, comprendi che i talebani non ti hanno mai attaccato perché tu andavi a scuola o perché sei amante dalla educazione, inoltre, per favore, pensa che i talebani o i Mujahideen non sono contro la formazione di qualunque uomo o donna o ragazza. I talebani credevano che stessi scrivendo intenzionalmente contro di loro e mettendo su una campagna denigratoria per diffamare i loro sforzi di creare un sistema islamico in Swat e i tuoi scritti sono stati provocatori. 
Tu hai detto nel tuo discorso di ieri che la penna è più potente spada, così loro ti hanno attaccato per la tua spada, non per i tuoi libri o la scuola. 
Vi erano migliaia di ragazze che andavano a scuola e all'università, prima e dopo i Talibani  nello Swat, vuoi spiegare perché c'eri solo tu sulla loro lista nera??? 
Ora, veniamo al secondo punto, perché i talebani stanno facendo saltare in aria le scuole? La risposta a questa domanda è che non solo talebani in KPK o FATA fanno esplodere le scuole, ma  Pakistan Army e Frontier Constabulary sono ugualmente coinvolti in questo problema. 
La ragione di questo è un modo di fare comune tra di loro, che  trasformano le scuole in nascondigli e  campi di transito, una volta che  il controllo  sia assunto da una delle parti: Pakistan Army o Taliban. Nel 2004 ero a Swat, ero alla ricerca delle cause del fallimento del primo tentativo di rivoluzione di Sufi Muhammad. Sono venuto a sapere che la FC era di stanza nelle scuole di swat  Mattaand FC stanno utilizzando le scuole come i loro campi di transito. Ora dimmi a chi dare la colpa??? Decine di scuole ed università sono utilizzati da Pakistan Army e FC come una loro caserma. ..."

Malgrado i dichiarati sentimenti di fraternità, questa lettera sembra più un avviso, anche un pò minaccioso che una lettera di scuse per l'accaduto, in effetti nel seguito si cerca di spiegare e giustificare le azioni dei talebani, tentando anche di dissuadere Malala dall'accettare una cultura occidentale per invitarla invece a tornare a casa ed adottare la cultura islamica ... il che al momento sembra (per fortuna) assai poco probabile ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia