Il vento di scirocco

06/07/2013

Il vento di scirocco brucia sulla pelle,
 soffocante come una carezza violenta
che stringe il respiro.
Serrato il cielo,
consuma l'aria di desideri smarriti.
Si spegne sul suolo cocente.
Trascina le polveri dei deserti
 fino agli occhi
per succhiarne le lacrime.
Consuma nel  fuoco,
vaporizza ogni  goccia di sguardo.
Si offre al sole ed alla notte
con con lo stesso sibilo,
il medesimo inganno.
Ma  quando  cala,
l'aria rimane calda
e luccicanti le stelle,
qualche foglia sospira invocando rugiada:
 fermarne il pulsare è un istante
 impresse le labbra,
 scolpita memoria ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il cielo stellato (poesia)