Storie di ordinario razzismo ...

26/07/2013

Esiste una pagina facebook (cosa non c'è su facebook?) intitolata Io sto con Dolores (la Valandro, s'intende: la leghista che ha istigato allo stupro del ministro Kyenge) è un gruppo chiuso nel quale non deve essere consigliabile avventurarsi per chi è delicato di stomaco: Dio solo sa cosa ci si può trovare dentro.
C'è la possibilità di iscrizione. Chissà quali requisiti sono richiesti?!
Ho cercato il gruppo perché mi è accaduto di imbattermi in una simpatica conversazione denunciata alla pubblica vergogna da un'amica, ecco di che si tratta:

















Bene, se a qualcuno fosse sfuggito l'argomento di conversazione, qui si parla del clandestino caduto dal volo dell'Air France. La stampa ne ha dato notizia ieri: l'uomo si era nascosto sull'aereo ed è precipitato dal vano di uno dei carrelli. Probabilmente si sarà sentito male: non sappiamo a quale quota si trovava l'aereo, ma dubito che i vani dei carrelli siano pressurizzati e ad una certa quota l'ossigeno è scarso ....
Era uno dei tanti disperati, disposti a rischiare la vita per un viaggio verso un paese in cui ripongono la speranza di una esistenza migliore: se gli va male muoiono, come è accaduto per questa persona, il cui cadavere è stato ritrovato a Niamey, la capitale del Niger. Ma il vero dramma è che quando gli va bene trovano gente come questo signor nessuno e compagni esplicitamente e cinicamente razzisti, capaci di augurare la morte alla gente, così a cuor leggero, tanto per fare una battuta e farsi belli coi loro degni compari!
Ma non solo questo: un paese, la nostra Italia,  che consente la circolazione di una simile becera e disumana sottocultura, un paese che tollera l'istigazione al razzismo, innegabile direi nello scambio di battute che ci è dato leggere! Cosa si aspetta allora a chiudere questa pagina vergognosa? 
Di cosa si occupa normalmente la nostra polizia postale?

Ai razzisti di quel calibro io vorrei dire di stare tranquilli: ne muore davvero uno al secondo! A questo link troverete il numero di persone morte per fame oggi: in questo momento leggo il numero 24.428, non so cosa leggerete voi nel momento in cui lo visiterete, ora sono le 19,08 del 26 luglio 2013.
Il conteggio è partito alla mezzanotte: se realmente siete così perversi da poterne godere, io non vi dico né di vergognarvi, né di curarvi: per voi non c'è rimedio se non uno soltanto! 
E voi dovreste sapere quale! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog