Berlusconi, Letta, ovvero il gioco ad alzare il tiro ...

28/09/2013

Ormai si spara ad altezza d'uomo nel botta e risposta Letta - Berlusconi.
Non resta che sperare che a furia di alzare il tiro finiscano per sparare in aria.

Ci siamo quasi, il dramma della crisi istituzionale che sconvolge lo stato italiano continua a lasciare indifferenti i più, non comprendiamo bene se per una sorta di apatica rassegnazione del nostro popolo o se perché ormai nessuno riesce più a prendere sul serio i giochi di palazzo il cui unico effetto è quello di screditare la nazione agli occhi dei mercati e degli investitori stranieri con le ricadute prevedibili sulla nostra economia già allo sfascio!


 Veniamo ai fatti:

- fase 1 -  i parlamentari PDL minacciano dimissioni di massa in caso di decadenza di Berlusconi (imitati a    ruota dai parlamentari neonazisti di Alba Dorata in Grecia).
La manovra, chiaramente intimidatoria, ha l'unica valenza di destabilizzare l'Italia sui mercati (obiettivo raggiunto).
Ovvio che i parlamentari PDL alias Forza Italia vogliono rimanere ben ancorati alle proprie poltrone di potere.

- fase 2 - Letta in risposta alla minaccia, congela il governo, impedendo di fatto il blocco all'aumento dell'IVA previsto con decreto governativo.

- fase 3 - Berlusconi ordina l'immediata dimissione dei suoi ministri.

Eppure quando il povero Bersani insisteva per scongiurare le larghe intese tutti a dargli addosso: la sperimentazione delle larghe intese era già avvenuta col governo tecnico di Monti.
Tutti sanno come è finita allora e tutti oggi possono vedere come finisce ancora una volta ....

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il bambino epilettico a scuola

Il cielo stellato (poesia)