Due minuti in paradiso, ma il 70% è insoddisfatto!


30/09/2013

Credo sia da inscriversi nell'ambito della  campagna di sensibilizzazione europea, già partita all'inizio di quest'anno ("Not just a moment. Isn't the right moment more than just a moment?") la notizia trasmessa ieri dall'ansa  e relativa ai dati raccolti da una indagine della DoxaPharma condotta su un campione di  italiani, maschi e femmine   tra i  18 ed i 55 anni.

Lo studio ha esaminato a fini statistici il grado di soddisfazione ed alcuni degli aspetti qualitativi e quantitativi della attività sessuale, rivelando insoddisfazione nel 70% delle persone intervistate.
Per una coppia su quattro, inoltre, il rapporto non dura più di due minuti e l'eiaculazione precoce è il disturbo più frequente in assoluto (ma non solo in Italia).

Non si tratta dei primi dati e ricerche sull'argomento: a febbraio di quest'anno una ricerca Eurisko evidenziava la presenza del problema eiaculazione precoce nel 25% degli uomini (uno su quattro, appunto) ma, con questa, anche la reticenza a ricorrere a cure mediche.
Solo un quarto delle persone afflitte dal disturbo trovano il coraggio di rivolgersi ad un medico.

A luglio di quest'anno sono stati istituiti  negli ospedali pubblici reparti specializzati  per la cura delle disfunzioni sessuali, veri e propri Dipartimenti per la salute sessuale della coppia: l'iniziativa è partita dalla società italiana di urologia e dalla associazione di ostetrici ginecologi, i quali, a quanto sembra, intendono mantenere il focus sul problema anche nel prossimo  Congresso previsto per l'8 ottobre.

I disturbi della sfera sessuale affliggono 16 milioni di italiani e questo, malgrado la frequenza dei rapporti intimi dichiarati dagli italiani sia di 9 al mese in una fascia al di sopra della media europea.
Evidentemente la quantità non è tutto.
Le disfunzioni sessuali si accompagnano a difficoltà di relazione all'interno della coppia e qui è difficile stabilire un nesso univoco di  causa effetto: è ipotizzabile che incomprensioni e disagi diffusi all'interno del rapporto si manifestino poi anche nella sfera intima o viceversa che disturbi nell'armonia sessuale finiscano per estendersi e riverberarsi su altri aspetti della vita di coppia.
Certo è che ad eccezione di un limitato numero di casi dove l'origine del problema è riconducibile ad una causa organica, per il resto potremmo dire che il viaggio è nella testa, ovvero la patologia è di natura psicosomatica.
L'eiaculazione precoce può rappresentare un segnale di ansia ed insicurezza rispetto all'idea della propria adeguatezza virile, specie a fronte di una figura femminile sicura, propositiva,  autoassertiva e/o aggressiva, ma evidentemente non ci lasceremo sfuggire la valenza, per così dire, punitiva del sintomo nei riguardi della partner ...


OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Uguali, simili e diversi: quando l'integrazione è un percorso di crescita

Prevenire le malattie genetiche: il discusso progetto britannico

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il canto del contadino (poesia)