L'importanza della pausa caffé

21/09/2013

L'efficienza ed il livello prestazionale di una persona migliorano con l'allenamento e peggiorano con la fatica: questa è una cognizione comune, ampiamente documentata sul piano scientifico da diversi studi condotti su gruppi di volontari (in questo genere di sperimentazioni gli studenti sono le cavie preferite).
L'organismo, i singoli organi e le stesse cellule hanno bisogno di tempi di ristoro ed il sovraccarico normalmente compromette la qualità delle funzioni svolte: anche questo è quasi un luogo comune, certamente nulla di nuovo.
Mi ha fatto perciò sorridere e riflettere una simpaticissima notiziola trasmessa dall'Ansa qualche giorno fa che riferisce di una ricerca condotta presso l'Università di Copenaghen e pubblicata su Symbolic Interaction
Il gruppo di studiosi, guidati da Pernille Stroebaek ha valutato gli effetti della cosiddetta pausa caffé nei funzionari di alcune strutture pubbliche: nello specifico è stata studiata la qualità ed il tipo di integrazione sociale in un gruppo di assistenti sociali impiegati di recente in un nuovo posto di lavoro.
I ricercatori hanno evidenziato che gli incontri di carattere informale (come la pausa caffé o la condivisione di una torta) facilitano l'inserimento dei nuovi arrivati ed in generale favoriscono la socialità ed il benessere nei luoghi di lavoro, con ricadute positive anche sul clima di collaborazione e sul rendimento.

Insomma chi fa la pausa caffé lavora meglio! Si vede che dopo le diverse sentenze della Cassazione su questo spinoso e controverso argomento anche la scienza ha da dire la sua!




OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il bambino epilettico a scuola

Il cielo stellato (poesia)