A 35 anni dalla legge Basaglia esistono e resistono gli OPG: promesso dal Ministero il programma per la chiusura definitiva

17/10/2013

"Seminata di buone intenzioni è la via che all'inferno mena, se non vale la pena di farlo farlo bene non vale la pena"  (Ronald Laing)

Questo adagio mi torna in mente mentre leggo delle iniziative segnalate dal sito del Ministero della Salute, con le  buone intenzioni espresse la scorsa settimana, il 10 Ottobre, in occasione della giornata mondiale della salute mentale.

Intanto infuria la polemica sull'amnistia e l'indulto per i detenuti, ma non serviranno né indulto né amnistia per coloro che ancora sono ricoverati negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.
L'11 Ottobre un comunicato del Ministero informa che il sottosegretario di Stato, Paolo Fadda, ha discusso e concordato con gli assessori regionali un programma che consenta finalmente la graduale chiusura degli OPG.

Si tratta di garantire coperture finanziarie, perché è chiaro che in assenza di adeguati servizi territoriali, gli ospedali non possono chiudere ...

Ormai è dall'inizio di quest'anno che se ne parla: la chiusura era programmata per lo scorso 1° aprile per disposizione congiunta dei Ministeri della Salute e della Giustizia, ma si ottenne una proroga anche perché queste persone spesso non sanno dove andare ed alcune conservano un certo potenziale di pericolosità: in effetti alla chiusura dell'ospedale deve contestualmente corrispondere l'accoglienza in strutture specializzate sul territorio.
Le strutture territoriali hanno un costo ovviamente, ma sembra che si vogliano prendere impegni ed il prossimo 30 Novembre i Ministeri della Salute e della Giustizia presenteranno al Parlamento una relazione concordata con le Regioni che garantisca anche le necessarie coperture finanziarie.

Sono trascorsi 35 anni dalla legge Basaglia, ma la vergogna dei manicomi resiste nella sua forma peggiore: "un autentico orrore indegno di un paese appena civile" secondo le parole del Presidente Napolitano.
Non resta che aspettare: ne riparleremo dopo il 30 Novembre ... (to be continued ...)


OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia