HIV controller: la naturale difesa dell'organismo è la risorsa della scienza

18/10/2013

Uno studio  pubblicato di recente su Plos one da un gruppo di ricercatori canadesi della McGill University Health Center di Montreal si è occupato di studiare le condizioni che consentono a circa l'1% dei pazienti infetti da HIV di non sviluppare la malattia nella sua forma più rapidamente evolutiva. 
In particolare sono stati studiati il metabolismo del triptofano e l'equilibrio tra cellule Th17 e T reg quali condizioni che incidono sul disordine immunitario che consente la diffusione e proliferazione del virus nelle forme progressive ed aggressive della infezione.
I pazienti resistenti sono gli elite controllers (EC) ed il loro metabolismo è stato confrontato sia con quello di soggetti sani non infetti sia con quello di altri soggetti infettati dal virus della immunodeficienza acquisita.

Lo studio si intitola appunto: "Differenze nel catabolismo del triptofano e nell'equilibrio Th17/T reg nei malati di HIV progressivo e negli elite controller"
Si parte dalla considerazione che il catabolismo del triptofano (trp)  ad opera dell'enzima IDO (indolamina 2,3 diossigenasi) produce chinurenina (kyn) che è una sostanza con proprietà immunosoppressive e capace di incidere sull'equilibrio delle cellule immunitarie (th17/T reg): lo studio dimostra che l'espressività enzimatica dell'IDO è drammaticamente ridotta nei controller a paragone degli altri gruppi e che i controller dimostrano  specifiche caratteristiche nel metabolismo del triptofano con bassi livelli di trp plasmatico,  senza accumulo del catabolita chinurenina immunosoppressiva e con buona conservazione dell'equilibrio dei linfociti T (Th17/T reg).
La ricerca è stata condotta mediante sperimentazione in vitro sulle cellule di 253 soggetti di cui 19 controller e sono stati valutati i livelli di IDO: la conclusione è che l'enzima IDO sia un importante marker della infiammazione e responsabile delle alterazioni che consentono una maggiore aggressività della infezione. Si è infatti riscontrato che il rapporto trp/kyn sia per sé predittivo nell'indice di mortalità.

La conseguenza logica e la conclusione dei ricercatori è che utilizzando inibitori dell'enzima IDO vi è un'alta probabilità di contribuire a ridurre il disordine immunitario causato dal virus, migliorando il controllo immunitario fino alla eradicazione del virus stesso ...


OkNotizie

Commenti

  1. sto seguendo il tuo blog interessante e pieno d spunti
    seguiamoci !!!

    somonetta

    RispondiElimina
  2. Grazie Simonetta :-) ok seguiamoci ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

L’ombra di Peter Pan

Il cielo stellato (poesia)