La disoccupazione tra i giovani sfonda il 40%: le cifre più alte dal 1977

01/10/2013

Il dato è dell'ISTAT e ne trasmettono notizia tutti gli organi di stampa, divisi nell'affannare dietro le dichiarazioni multiple delle molteplici personalità politiche, che intanto  proseguono nel loro teatrino fra i colpi di scena ed il gossip in perfetto stile telenovela, come se nulla fosse.


Il dato è secco: la disoccupazione tra i giovani (15 - 24 anni) è ancora aumentata mentre alcuni di noi erano in vacanza, durante il mese di agosto, arrivando a coinvolgere  il 40,1% della popolazione giovanile.
Si tratta del livello più alto  da sempre, ovvero dal 1997 per le serie trimestrali e dal 2004 per quelle mensili.

Il numero complessivo dei disoccupati raggiunge i  3.127.000 anch'esso in aumento del 14,5% rapportato su base annua.

I dati sono dati e non andrebbero commentati: solo dietro questi numeri c'è una generazione che rischia di perdere la speranza a 20 anni ed una folla di famiglie che fatica a mettere il piatto a tavola.
Di fronte a questo onestamente le sparate di Santanché e le dimissioni rassegnate e ritirate o meno dei ministri  PDL assumono i colori sinistri di una grottesca messa in scena di gente di  cui è dubbio ci si possa fidare anche (o soprattutto) per la gestione di una singola e semplice economia domestica, di quella che si insegnava una volta negli istituti tecnici femminili ....



OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog