OMS obiettivo 4: ridurre la mortalità infantile. Il 5 e 6 Ottobre l'orchidea Unicef in 1.100 piazze italiane.

04/10/2013

Sabato e domenica, 5 e 6 Ottobre, in 1.100  piazze di tutta Italia avrà luogo l'evento annuale "orchidea dell'Unicef"  e quest'anno il fiore sarà dedicato alla tematica della mortalità infantile.

I fondi raccolti saranno devoluti in iniziative mirate alla prevenzione ed alla tutela da quelle malattie che, benché curabili, ogni anno uccidono milioni di bambini, laddove manca l'assistenza basilare alla nascita ed alla prima infanzia.

Il rapporto relativo ai dati della mortalità infantile riferiti all'anno 2012  è stato presentato il mese scorso.


Nel 2012 in tutto il mondo sono morti 6.600.000 bambini al di sotto dei 5 anni: circa 18.000 bambini ogni giorno. Il numero è impressionante, ma in effetti rappresenta appena la metà di quanto si era registrato nel 1990, quando i bambini morti tra 0 e 5 anni erano stati più di 12 milioni!

La tendenza è positiva ed in linea con il quarto obiettivo di sviluppo del millennio dell'OMS ovvero ridurre la mortalità infantile (tasso su 1000 nati) dei 2/3 entro il 2015.

Molte delle malattie che uccidono questi bimbi sono prevenibili e/o curabili.
Le principali cause di mortalità infatti sono, nelle prime 24 ore di vita, la prematuranza e l'asfissia neonatale ed in seguito poi la polmonite, la diarrea e la malaria, infine circa il 45% dei decessi prima dei 5 anni è dovuto alla malnutrizione!
I paesi più interessati dal fenomeno sono la Cina, il Congo, l'India, la Nigeria ed il Pakistan.
Nella maggior parte dei casi basterebbero cure mediche ordinarie per salvare la vita di queste piccole vittime.

Attualmente si punta, grazie ad investimenti internazionali, alla promozione delle campagne vaccinali, con un programma condiviso da 176 stati, alla fornitura di farmaci essenziali come antibiotici e sali per la reidratazione (impegno delle Nazioni Unite) inoltre l'Unicef e l'OMS si sono uniti nel portare avanti un programma specifico contro la polmonite e la diarrea col proposito di eliminare entro il 2025 queste malattie come cause di morte dei bambini al di sotto dei 5 anni.
Altre iniziative in corso  sono mirate al controllo della mortalità neonatale e di quella legata a malnutrizione.

Sabato e domenica quindi l'orchidea nelle piazze vorrà essere il simbolo della campagna di sensibilizzazione ed anche l'invito ad offrire il proprio piccolo contributo:
l'orchidea verrà venduta dai volontari impegnati nella animazione delle piazze  per 10 euro.
Si tratta del sesto appuntamento  con l'orchidea Unicef e quest'anno lo slogan è:

 "A molti bambini serve un seme di orchidea per diventare grandi".




OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il cielo stellato (poesia)