Pensiamo al domani ... alla colazione esattamente: crostata di marmellata (ricetta)

27/10/2013

Domani mattina probabilmente godremo ancora un poco dei benefici dell'ora solare: non ci siamo assuefatti per il momento e ci piacerà alzarci col cielo già chiaro e la sensazione di avere riposato un tantino di più.

C'è speranza che voi, abituati ormai ad alzarvi un'ora prima, domani riuscirete a sentire il suono soave  della vostra sveglia senza irritarvi (leggi: senza sacramentare con astiosa violenza fino a persuadere tutti i santi del paradiso a scendere in terra per chiedervi conto della vostra scarsa compostezza ...).
Insomma potreste addirittura trovarvi già svegli quando cominceranno a tintinnare campanelli, musica e bip bip da strapazzo, di conseguenza accadrà per la prima volta in quest'anno solare che avrete perfino il tempo di fare colazione!

Perché vi dico questo? Primo per il mio buon cuore, così vi ricorderete che hanno tolto l'ora legale ed eviterete di precipitarvi ansiosamente al lavoro un'ora prima, facendo la meschina figura degli stupidi e secondo per propinarvi la ricetta della crostata che renderà speciale il vostro risveglio domattina, ammesso che vi riesca bene, s'intende!
Dobbiamo pensarci oggi: la crostata domani mattina dovremo mangiarla, non prepararla!
Procediamo dunque! Vi occorrono:
- 200 gr. di margarina o burro a temperatura ambiente
- 200 gr. di zucchero
- 3 uova intere
- farina q. b. (sarebbe a dire quanto basta e poi vi spiego ...)
- mezza bustina di lievito chimico
- un barattolo della vostra marmellata preferita (la crostata riesce ottima specialmente se con marmellata di fragole o di albicocche)
Dovete preparare la pastafrolla: disponete a fontana un pò di farina su un apposito asse di legno quindi al centro zucchero, uova, margarina e lievito setacciato, impastate al centro e pian piano incorporate e fate assorbire la farina sui bordi fino ad ottenere un impasto solido e soffice. La quantità di farina è quella che gli ingredienti assorbono e può variare in base alla grandezza delle uova ed in base alla vostra preferenza.
Più farina fate assorbire, più l'impasto indurisce, bene: non deve essere duro, ma soffice e lo sentirete unto in superficie. Ne fate una palla e lo lasciate riposare un pò in frigo. Dopo un'oretta riprendete l'impasto dal frigo, cospargete a pioggia il vostro asse di legno con un pò di farina e tagliate l'impasto in due parti disuguali: diciamo che i due terzi vi serviranno per preparare la sfoglia per rivestire la teglia ed un terzo lo terrete da parte per farne le listarelle sopra la crostata. Imburrate ed infarinate un ruoto basso, stendete con un mattarello infarinato i due terzi dell'impasto fino ad ottenere una sfoglia dello spessore di un mezzo dito che userete per foderare la teglia. Distribuite la vostra marmellata dentro il cestino di pastafrolla così preparato e con un coltellino eliminate la pastafrolla che eventualmente deborda dal ruoto.
Stendete ora con la stessa tecnica, l'impasto rimanente e tagliatelo a fettuccine, utilizzando una rotella apposita: disponete  le fettuccine a rete, facendole incrociare, sulla superficie della marmellata, quindi ripiegate verso l'interno la sfoglia che sul bordo del ruoto sale oltre il livello della marmellata. Se il bordo così ottenuto dovesse risultare irregolare, usate una fettuccia per coprirlo in tutta la sua circonferenza ...
Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 30 -40 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare: domani mattina ne sarete contenti ...

Commenti

  1. davvero ottima crostata!!! complimenti!! Buona serata!! :)

    RispondiElimina
  2. La crostata è uno dei dolci preferiti di mia figlia per fare merenda, e questa sembra proprio ottimo. In futuro proverò a farla!! Mi sono aggiunta ai tuoi followers. Se ti va di ricambiare e anche per mantenerci in contatto questo è il link del mio blog di cucina
    http://conpaolaincucina.blogspot.it/
    Buona giornata! :-)

    RispondiElimina
  3. ok ragazze :) Buon giorno a tutte e ... visiterò il tuo blog Francesca grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

L’ombra di Peter Pan

Il cielo stellato (poesia)