25 Novembre: emozioni di donna (poesia)

24/11/2013

Domani ricorre la giornata internazionale contro la violenza sulle donne: numerosissime le iniziative in ogni città, convegni, performance artistiche, dibattiti e luminarie.
I costi sociali dell'abuso sulle donne, sia esso maltrattamento fisico, stupro o femminicidio sono altissimi anche in termini economici e gli investimenti nel settore restano limitati ed insufficienti, malgrado la recente approvazione del DL sul femminicidio. 
Essere donna in passato  ed in questo presente rimane un percorso faticoso, una sfida ed una guerra dentro e fuori di se stesse. 
Ho pensato di dedicare alle mie amiche in occasione  della giornata di domani alcuni versi che possono esprimere condizioni o situazioni che storicamente connotano la vita al femminile ... in attesa che qualcosa cambi ...

La segregazione 
(ovvero: la mamma è l'angelo della casa)


La dama prigioniera
                                                                      
Gli occhi curiosi
incollati al ferro 
della grata.

Osa guardar lontano
e fantasticare il mondo,
vita non goduta,
gente sconosciuta.

Reclusa e pazza
di malinconia
vive di sogni e aspetta
la superba regina
e passa il vento
a sussurrar profumi
e tempo trascorre nei
soliti gesti                                                             
e care mura.


L'amore che uccide


l’anima e la follia

Come un vagito,
una furia di rabbia
e dolore:
odio la vuota assenza.

Ti uccido e distruggo
ogni cosa,
quando sei lontana
e giuro di odiarti
per la vita e per sempre.

Fiutarti appena,
non pensare.
Solo vederti
e non sentire altro.
Nulla nella mente.
Tu nella mente.    




                                                                                                                             

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia