Ascolta oltre il silenzio

02/11/2013


Camminando, assorta in un pensiero, attraverso il giardino silenzioso.
Sento l'aria sfiorare l'incavo sulla guancia e  riconoscervi le impronte del tuo volto. 
Il filo si riavvolge in un soffio, poi torna e va cercando  il ritmo che  segue  le orme  modellate in un sentiero nascosto
 sotto  pelle di sabbia. 
Appena un pulviscolo nell'aria, percepibile solo nei riverberi di luce. 
Come nel vagare della mente incontro le tue parole. 
Un sussurro nel vento.


Il tempo porta via ogni cosa ed io ti porto il tempo che trascorre, spiando la mia ombra.
Bisbigliano gli sguardi della gente, incatenando preghiere a folle di pensieri.
Sgocciolano parole dal calice del labbro, bevute d'un fiato e deglutite in silenzio.
E proteggerti se mai ho saputo, adagio ti vado ragionando il mio tacere.
So che mi ascolti se mai hai potuto. 
Nasce un sorriso di umida frescura e cade un'altra foglia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan