L'ora che volge al desio ...

16/11/2013

All'imbrunire si snodano i pensieri e lampeggiano per un istante sull'orizzonte: immagini gonfie di brusii affollati come goccioline umide assiepate nei lembi di nubi distese nel cielo.
Fuggono illuminandosi per un istante e tornano a rannicchiarsi in un cantuccio della mente, imbrigliati nelle maglie del rito che si ripete ogni giorno al sorgere del sole.
Forieri dei sogni della notte,  traiettorie arcuate come boomerang dei guerrieri aborigeni, che nel ritorno talvolta  perdono  il  silenzioso varco dimensionale  e finiscono per colpire schioccando la materia del petto,  della fronte o del ventre.
L'impatto stordisce e confonde come un tuffo al cuore, un vuoto di stomaco, una rabbia ribelle, a volte accarezza, scivolando di striscio e si lascia afferrare da una mano che lo ripone con cura e dolcezza, oppure tocca una corda di allerta,  richiama la veglia ad avviare  un motore, ma presto ricade nel buio, ricacciato dalla folla degli altri in arrivo.
Si dura un istante e si perde memoria.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog