Polpettone farcito con verdura e formaggi (ricetta)

10/11/2013

Eh sì! Oggi vi tocca la ricetta del polpettone: lo so, "polpettone" è una parola, in realtà un sostantivo spesso usato in senso di attribuzione, ovvero di connotazione negativa. Quante volte sentiamo: questo film o questo libro è un "polpettone", non si intende con questo alcun complimento per l'opera d'arte con  buona pace di registi e scrittori ed è vero, ci sono cose, anche giornate così, cioè "polpettoni" ci sono anche persone così. Nel caso di uso metaforico polpettone sta per noioso e pesante (nel migliore dei casi): ebbene io non so come una tale qualificazione sia invalsa nell'uso, ma sostengo testé che il senso traslato non rende giustizia al polpettone! La verità è che il polpettone bisogna saperlo fare: dunque cosa avete contro il polpettone?
Siete forse schizzinosi? O voi mistificate in questo disprezzo la vostra incompetenza alla preparazione della gustosa pietanza?

Bene, nell'incertezza vi passerò una delle tante ricette di polpettone, perché si sa che esistono diversi modi per prepararlo. Quello di cui ci occuperemo oggi è il polpettone con provola e spinaci.
Vi passo una dose che può essere sufficiente per 4 persone. Vi occorrono:
- gr. 350 di carne tritata
- due uova
- 4 - 5 cucchiai da tavola di pan grattato
- 5 cucchiai di latte
- circa 80 gr. di parmigiano grattugiato
- spinaci
- 150 gr. di provola
- sale e pepe
Imburrate una teglia da forno, a parte in una zuppiera preparate l'impasto del polpettone mescolando la carne, il pangrattato, il parmigiano, le uova ed il latte: salate, pepate e mescolate fino ad ottenere un impasto perfettamente omogeneo. Modellate l'impasto ad ovale ed adagiatelo nella teglia imburrata: con le mani umide schiacciatelo ottenendo una specie di pizza di forma ellittica (diciamo).
A parte avrete già fatto bollire gli spinaci in acqua salata: colateli e strizzateli, usando uno schiacciapatate.
Disponete sulla schiacciata ottenuta con l'impasto del polpettone gli  spinaci e la provola tagliata a pezzetti, distribuendo la farcitura in modo da lasciare almeno un dito libero sui bordi.
Ora, sempre con le mani umide, ripiegate, ovvero arrotolate il polpettone in modo da chiudere bene i bordi, lasciando la farcitura all'interno, cospargete con una spolverata di pangrattato e modellate con le mani in modo da ottenere una forma oblunga ed arrotondata alle estremità. Infornate, circa per un'oretta a 180°C, di tanto in tanto bagnate in superficie con un mestolino di brodo bollente, così da non farlo riuscire troppo asciutto. Va bene con contorno di patate o insalata o come vi pare.
Buon polpettone e buona domenica, ma non fraintendetemi: non volevo dire che la domenica è un polpettone ... forse a volte, ma solo se piove ...


Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il bambino epilettico a scuola

Il cielo stellato (poesia)