Piano d'azione nazionale contro il GAP

18/12/2013

Pubblicato oggi sul sito del Ministero della Salute il piano nazionale contro il gioco d'azzardo patologico.
L'Osservatorio istituito dal Ministero per studiare il fenomeno ha approvato alla unanimità un piano d'azione con i provvedimenti da attuarsi entro il 2015 che includono soprattutto campagne informative e di sensibilizzazione, formazione di operatori ed organizzazione di strutture idonee alla presa in carico del problema.

Vengono definiti prima di tutto la malattia come tale,   il GAP, in base alle direttive OMS come malattia sociale, quindi le condizioni di vulnerabilità rispetto allo sviluppo di  dipendenza, ancora considerato il valore  della diffusione  dell'offerta indiscriminata di possibilità di gioco ed infine il rischio dei giocatori patologici di rimanere vittime di usura.
Il progetto prevede misure universali, ambientali e specifiche: le prime di carattere essenzialmente informativo e mirate a sensibilizzare tutta la popolazione sui rischi della dipendenza patologica dal gioco, le seconde invece indirizzate a ridurre la disponibilità e le possibilità di accesso ai vari tipi di gioco d'azzardo ed infine la prevenzione specifica focalizzata sui soggetti considerati vulnerabili ed a rischio.
Minori, anziani soli, persone in difficoltà economica, individui affetti già da altre forme di dipendenza, soggetti con disturbi e/o alterazioni mentali sono considerati giocatori  problematici ad alto  rischio di GAP.
Una delle iniziative a carattere preventivo che si pensa di adottare riguarda la creazione di una help line telefonica con punti di aggancio concreto al territorio in ciascuna regione: sostanzialmente centri di primo ascolto da istituirsi presso  strutture pubbliche.
Si prevede anche l'attivazione di gruppi di studio e di ricerca su di un fenomeno che attualmente è molto diffuso in Italia ed ha  di fatto assunto le caratteristiche di un vero e proprio problema sociale.

Commenti

Post più popolari