Dolcezze di ananas (ricetta)

Buona domenica, cari amici: oggi sono giusto in tempo per una dolce merenda e dunque parliamo di ananas.
Premetto che per preparare i dolci possiamo usare tranquillamente anche quello sciroppato: in questo caso ovviamente risparmiamo di pelarlo tagliarlo e marinarlo con zucchero e limone, ma (inutile farsi illusioni) il risultato che otterremo sarà un tantino diverso sia per il gusto al palato che per il valore nutritivo.
Supponiamo che voi siate in possesso di un superbo ananas   fresco e maturo e che  abbiate voglia di valorizzarlo nel miglior modo possibile. Allora prima lo sbucciate con cura, badando a rimuovere dai bordi tutti i piccoli residui di scorza che restano negli incavi, quindi lo tagliate a fette e, preferibilmente con una formina tonda e tagliente, rimuovete la parte un pò legnosa centrale, quindi disponete in un piatto, cospargete di zucchero e bagnate con succo di limone. Lasciate riposare in frigo.

Preparate una crema pasticcera: in un bollitore per il latte mettete 4 o 5 cucchiai di zucchero ed un cucchiaio ben colmo di farina setacciata, quindi mescolate le polveri con un cucchiaio (non esploderanno per il momento) aggiungete due uova intere e mescolate col cucchiaio fino ad ottenere una pasta densa, a questo punto cominciate a versarvi il latte poco per volta e continuando a mescolare. Vi occorre circa mezzo  litro di latte, quando l'avrete aggiunto tutto, mettete una scorza di limone e portate sul fuoco il composto, continuando sempre a mescolare fino alla ebollizione. A questo punto la crema si sarà addensata e la scorza di limone cotta, bene togliete la scorza, altrimenti tende a diventare amara e lasciate raffreddare un poco la crema. Nel frattempo prendete un pentolino a sponde alte, una bustina di panna da montare e le fruste del vostro sbattitore elettrico e mettete tutto nel congelatore per una mezz'oretta.

Tornate alla vostra crema e distribuitela in coppe da dessert, riempiendole per metà: quando si sono intiepidite, mettete le coppe in frigorifero a raffreddare per bene.
Prendete dal congelatore il contenitore, le fruste e la panna da montare: avendo usato il piccolo accorgimento di tenerla per un pò in congelatore (attenzione però! Non deve ghiacciare) la vostra panna si monterà velocemente (usate lo sbattitore elettrico alla sua massima velocità) e sarà durissima: mettetela in frigo.
Ora possiamo preparare le coppe: assicuratevi che la crema sia ben fredda (altrimenti vi rovina sia la frutta che la panna) e quindi procedete. A mio avviso anche se esteticamente è più bella la fetta di ananas adagiata intera sulla superficie della crema in coppa e poi guarnita con i fiocchi di panna, è preferibile tagliare ciascuna fetta  di ananas in 4 o anche 8 parti, pur ricostruendo nella coppa la forma perfettamente circolare della fetta intera e questo per evitare imbarazzo ai vostri commensali: se li fornite di cucchiaino per consumare il dessert potrebbero avere difficoltà a tagliare l'ananas, a meno che non amiate godervi il piccolo spettacolo che daranno affondando il cucchiaino di taglio e facendosi schizzare la crema per ogni dove ...
Suvvia non siate maliziosi: tagliate questa benedetta fetta in un piattino e poi fatela scivolare sulla crema della coppa in modo da non guastare il cerchio! Bene adesso guarnite con fiocchi di panna e conservate in frigo fino al momento di servire.
 Quando portate in tavola eventualmente potete infilare in ciascuna coppa  un savoiardo o due pavesini, ma questo solo all'ultimo momento altrimenti si bagnano, diventano molli, si sbriciolano e rovinano tutto!
Bene se ce l'avete fatta ad arrivare fin qui, non vi resta che godervi la vostra piccola dolcezza domenicale!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia