La corsa delle statistiche ai record negativi: disoccupazione giovanile al 41,6%


Sembra  diventata una litania ripetitiva che più che infastidire ormai avvilisce e sgomenta: ogni giorno un grido d'allarme per i servizi, la produttività, le tasse e ... oggi è la volta della disoccupazione!
L'Istat ha pubblicato sul sito i dati relativi ai rilievi nel mese di novembre 2013, sono dati mensili che vengono trasmessi oggi: il numero di persone attive che lavorano diminuisce dello 0,2% rispetto al mese precedente e del 2% su base annua, a novembre infatti risultano occupati 22.292.000 vale a dire 55.000 in meno rispetto al mese precedente. In termini percentuali il tasso di occupazione si attesta al 55,4% con una riduzione dello 0,1% rispetto ad ottobre 2013 e dell'1% su base annua.

Il numero dei  disoccupati quindi nel novembre 2013 è di 3.254.000 con 57.000 disoccupati in più rispetto ad ottobre 2013 con un aumento della disoccupazione più marcato nella fascia maschile (+17,2%) che femminile (+6,1%). Il tasso complessivo di disoccupazione giunge al 12,7% con un aumento dell'1,4% su base annua.
Il dato più allarmante, tuttavia riguarda ancora una volta i giovani, la nostra ipoteca sul futuro, vale a dire la fascia d'età compresa tra i 15 ed i 24 anni: fra loro 659.000 sono disoccupati con un aumento di 0,4% su base annua. Praticamente la percentuale complessiva di disoccupati in questa fascia d'età arriva al 41,6%  con un aumento di 4 punti percentuali su base annua.
Si tratta dei tassi più elevati mai registrati dall'Istat fin dall'inizio delle rilevazioni, vale a dire dal 1977!

Ora chiedere sacrifici è facile, farli lo è meno, ma è possibile tuttavia, quando si punta ad un obiettivo futuro, ma se il futuro è così pesantemente ipotecato, se, volendolo o meno, siamo costretti a capire che i nostri figli tra disoccupazione e precariato non avranno mai diritto ad una pensione (la nostra è già comunque molto incerta) e probabilmente neanche ai servizi sanitari e scolastici, lecitamente potremmo chiederci: 
a quale scopo?

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia