La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.

Che ci crediate o no qualcuno, malgrado la mia raccomandazione contraria, ha reclamato la ricetta domenicale, la cosa mi ha sorpresa forse perché in fondo le ricette che vi propongo sono abbastanza scontate e conosciute dalle mie parti, ma .... potrebbero rappresentare qualcosa di nuovo per chi vive altrove e dunque oggi vi descrivo un piatto semplicissimo e di preparazione veloce.
Sarebbe a dire che il mio modo di premiare la vostra fedeltà sarà quello di farvi lavorare poco e ... conto sulla vostra gratitudine! :-)
Prepariamo una bella puttanesca tipicamente napoletana!

Vi occorrono la pasta che doserete in base al numero di commensali: diciamo che un 100 gr. a testa potrebbero andare bene, vanno benissimo i bucatini, ma in subordine sono accettati anche gli spaghetti.

Vi occorre tanto olio extravergine di oliva: la pasta va condita essenzialmente con l'olio.
Diciamo che su 400 gr. di pasta vanno bene 200 gr. di olio, poi vi occorrono i pomodorini freschi, i datterini o i pomodorini col pizzo, quelli del Vesuvio 150 gr. circa, ancora un centinaio di grammi di olive nere di Gaeta che dovrete snocciolare, un pugnetto di capperi,  circa un 100 gr. di acciughe sott'olio o sotto sale e naturalmente l'immancabile peperoncino!
Ora mettete in un tegamino l'olio, lavate i pomodorini,  privateli dei semi e metteteli  a soffriggere nell'olio: quando li vedete raggrinzirsi aggiungete il peperoncino, prendete i capperi, se sono quelli sotto sale sciacquateli con cura sotto l'acqua fresca ed aggiungete al sugo insieme con le olive che avrete snocciolate.
A fine cottura aggiungete le alici fatte a pezzetti, anche per le acciughe vale il principio di sciacquarle se sono sotto sale, vanno bene così se sono quelle sott'olio.
Attenzione: non dovete aggiungere sale perché sia i capperi che le acciughe sono salati ed anzi, come vi ho detto,  vanno ripuliti e sciacquati per privarli dell'eccesso di sale. Il vostro sughetto è pronto.
La pasta, quale che sia, la cuocete come al solito in abbondante acqua salata bollente, rispettandone il tempo di cottura indicato sulla confezione, quindi scolate e condite: buon appetito  e buona domenica a tutti!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Uguali, simili e diversi: quando l'integrazione è un percorso di crescita

Prevenire le malattie genetiche: il discusso progetto britannico

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il canto del contadino (poesia)