Dolce domenica: prepariamo un tiramisù (ricetta)

Cari amici, buongiorno e buona domenica!
Oggi mi sacrifico secondo la migliore tradizione culturale del nostro meridione e della nostra Italia più in generale: insomma, stando ai modelli di dedizione ed abnegazione femminile, pazientemente inculcataci fin dalla seconda classe elementare (li ricordate i pensierini sulla mamma? "La mamma è l'angelo della casa, la mamma è bella, la mamma cucina ....") ecco si, dicevo appunto, vi propongo la preparazione di un dolce, che piace a tutti tranne che a me.
Non fraintendetemi: il dolce è buonissimo, a quanto se ne dice, solo che io non amo le  cose troppo pasticciate di crema, in genere preferisco i dolci secchi ed adoro la pasta di mandorle di cui comunque parleremo in un'altra occasione.
Oggi, con notevole spirito di sacrificio vi propongo di preparare il tiramisù: il fatto è che ormai abbiamo comprato i savoiardi ed abbiamo già rinviato a lungo (cedendo alle nostre pulsioni egoistiche) infine dobbiamo deciderci ad utilizzarli prima della data di scadenza (del resto la buona intenzione già c'era, sennò perché li avremmo comprati?).

Bene: veniamo a noi! Vi occorrono 300 gr. di mascarpone,  la vostra confezione di savoiardi, 3 cucchiai di zucchero, 3 uova, sei tazze di caffè ben ristretto, un bicchierino di marsala e cioccolato fondente grattugiato.
Montate i tuorli a schiuma con lo zucchero e montate gli albumi a neve durissima, unite mescolando delicatamente, quindi aggiungete   il mascarpone ed amalgamate il tutto: otterrete una crema soffice.
Ora bagnate velocemente i savoiardi nell'intruglio di caffè e marsala e disponetene uno strato in una terrina di vetro, spalmatelo con la vostra crema, spolverizzate col cioccolato grattugiato.
Continuate ad alternare uno strato di savoiardi imbevuti di caffè ed uno strato di crema fino ad esaurimento degli ingredienti.  Lo strato di superficie deve essere ovviamente di crema e lo cospargerete con il cioccolato grattugiato.
Mettete in frigo fino al momento di consumare.
Piace a tutti e farete un figurone con poco impegno (non dovete neanche infornare).
Dolce domenica! ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog