La continua crescita della disoccupazione: i dati Istat

Questa mattina l'Istat ha trasmesso i dati sull'andamento della disoccupazione, sia quelli provvisori riferiti al mese di Gennaio 2014, sia quelli trimestrali (ultimo trimestre 2013) che infine quelli annuali relativi a tutto il 2013.
Tutti i dati esaminati parlano di una riduzione dei tassi d'occupazione e di un aumento della disoccupazione.
Nell'anno 2013 il numero degli occupati si è ridotto di 478.000 unità, di cui 282.000 nel meridione, sicché mentre a livello nazionale l'occupazione si riduce del 2,1%, nelle regioni meridionali il calo segna un -4,6%.

In questo quadro di globale riduzione di lavoratori attivi il prezzo più alto viene pagato dai giovani tra i 15 ed i 34 anni che contribuiscono con 482.000 unità in meno in questa fascia d'età, ma anche nella fascia 35-49 anni si registrano 235.000 unità in meno: queste cifre risultano in parte compensate da un aumento dei lavoratori attivi di oltre 50 anni, che invece aumentano di 239.000 unità.
In sintesi: il lavoro diminuisce ed i lavoratori sono sempre più vecchi, mentre i giovani ed anche gli adulti non anziani restano nel limbo dell'attesa.
Il tasso di occupazione complessivo per il 2013 è del 55,6% in diminuzione rispetto al 2012 di 1,1 punto percentuale.
Per il 4° trimestre del 2013 si conferma la tendenza del calo del lavoro a tempo pieno: -2,6% rispetto al 4° trimestre 2012 ed anche del lavoro a termine (-6,6%) cui corrisponde anche una significativa riduzione dei collaboratori (-13,3%). Il tasso di disoccupazione dell'ultimo trimestre 2013 è del 12,7% e pertanto in crescita dell'1,1% su base annua. Nell'ultimo trimestre 2013 aumentano anche gli inattivi tra i 15 ed i 64 anni dello 0,3% ed il 58,1% dei disoccupati cerca lavoro già da più di un anno, anche questo indice relativo alla durata della disoccupazione è in considerevole aumento rispetto al periodo corrispondente del 2012 quando era al 54,8%.
Gli elementi più allarmanti tuttavia emergono dai dati mensili provvisori riferiti a Gennaio 2014:
intanto il tasso complessivo di occupazione risulta ulteriormente calato ed è al 55,3% con una riduzione di 0,1 punto percentuale rispetto al mese precedente e di 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Sono 690.000 i disoccupati tra i 15 ed i 24 anni ed il tasso complessivo di disoccupazione in questa fascia d'età è del 42,4% registrando un aumento tendenziale di ben 4 punti percentuali.
Il tasso di inattività si attesta al 36,4%  senza variazioni significative.
A gennaio 2014 il tasso di disoccupazione complessivo è al 12,9% in aumento di 1,1 punto percentuale rispetto al periodo corrispondente dello scorso anno: il dato più elevato negli ultimi 35 anni.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan