Si diffonde il consumo di alimenti scaduti: colpa della crisi


Una indagine on line, condotta dalla Coldiretti rivela che nell'ultimo anno sei italiani su dieci, anzi esattamente il 59%, quindi circa 6 su 10 hanno consumato cibi scaduti, tra questi il 15% ha consumato alimenti scaduti da oltre un mese, l'8% ha perfino superato questo limite, mentre i più (34%) si sono limitati a cibi scaduti da una settimana, una percentuale inferiore (2%) non ha l'abitudine di controllare le date di scadenza.


La Coldiretti imputa alla crisi questo cambiamento nelle abitudini alimentari degli italiani: le uniche rivendite di alimentari che incrementano il proprio volume di affari sono i cosiddetti discount, ma la qualità scadente dei cibi espone evidentemente a seri rischi per la salute.
Nel caso di alimenti scaduti, anche quando non si rischiano vere e proprie intossicazioni alimentari, certamente ci troviamo di fronte a cibi meno appetibili e con proprietà nutrienti alterate.
Risultano ridotti anche i consumi di frutta e verdure fresche, mentre la spesa per generi alimentari nel suo complesso risulta calata del 3,9%.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan