Torta rustica con latticini e salumi (ricetta)

Cari amici, buona domenica a tutti/e!
Oggi vi propongo di esprimere la vostra creatività ai fornelli nelle prime ore del mattino e di dedicare il resto della giornata al riposo ed alla cura di voi stessi.
Per riuscire nell'intento dovrete provvedere per tempo anche alla cena.
Quello che ho intenzione di proporvi, infatti è qualcosa che potrete tenere da parte per cena e non avrà bisogno di ulteriori interventi da parte vostra in quanto può essere consumato sia caldo che freddo.
Insomma, seguendo il filone operativo pragmatico del "preparalo e lascialo in giro: qualcuno lo mangerà" vado a proporvi la preparazione di un rustico con ricotta, mozzarella e salumi vari.

Si tratta di una preparazione rispetto alla quale esistono varianti ed opzioni varie, per cui viene lasciato spazio alla vostra creatività (ed anche alla vostra disponibilità di ingredienti) io mi limito a fornirvi le direttive di base.

Questo tipo di rustico prevede la preparazione di una sfoglia e qui abbiamo la prima scelta: possiamo preparare una pasta brisé oppure una pasta sfoglia.
La pasta brisé è più veloce e si prepara praticamente come una pastafrolla con l'unica differenza che non ci metteremo zucchero fra gli ingredienti, ma sale q.b., quindi ci occorreranno 3 uova, 200 gr. di burro o margarina, farina q.b.  mezza bustina di lievito in polvere ed un pizzico di sale: impastiamo il tutto velocemente fino ad ottenere un impasto solido, ma soffice, lasciando che sia l'impasto stesso ad assorbire la farina necessaria fino alla consistenza desiderata. Con questo impasto faremo una palla che lasceremo riposare in frigo dentro un canovaccio o una zuppiera mentre ci occuperemo della preparazione della farcitura.
La pasta sfoglia (se avete un pò più di tempo da spendere) è più elaborata: nel caso doveste optare per questa, vi occorrono: mezzo kg di farina, 250 gr. di burro o margarina e latte q.b.
Impastate la farina solo con il latte ottenendo un impasto solido che potrete stendere col mattarello, quindi stendete questo impasto su di un piano di lavoro e spalmatelo con una parte del burro, piegate e stendete nuovamente col mattarello, spalmando poi di nuovo col burro: l'operazione va ripetuta fino ad esaurimento di tutto il burro, circa una ventina di volte mediamente per ottenere una sfoglia friabile, come voi la desiderate.
Terminata la preparazione di questo tipo di sfoglia, potete arrotolarla e lasciarla riposare in frigo.
Bene ora possiamo pensare alla farcitura: qui la vostra scelta è fondamentale, potete usare gli ingredienti preferiti, compresi vari tipi di verdure ed ortaggi (che nel caso avrete già cotto preventivamente).
La base della farcitura la facciamo amalgamando 250 gr. di ricotta, 200 gr. di mozzarella o provola tagliata a pezzetti, 2 uova, 100 gr. di parmigiano grattugiato, sale e pepe. A questo punto possiamo preferire verdure (ad esempio zucchini affettati e  fritti oppure spinaci bolliti e tritati grossolanamente, etc) oppure usare alcuni salumi: io consiglio salame e prosciutto cotto tagliati a tocchetti.
Imburriamo ed infariniamo una teglia e stendiamo sul fondo una parte della nostra sfoglia, che avremo ben distesa col mattarello, riempiamo con la farcitura, stendiamo la parte rimanente della sfoglia e copriamo, facciamo ben aderire i bordi delle sfoglie sottostante e soprastante che quindi dobbiamo tagliare e ripiegare verso l'interno premendo leggermente con la forchetta lungo tutta la circonferenza in modo da ottenere un contorno regolare (anche l'occhio vuole la sua parte) spennelliamo la superficie con albume d'uovo, inforniamo in forno preriscaldato a 180°C e lasciamo cuocere per circa 45 o 60 minuti fino a che la superficie sia dorata. Sforniamo e lasciamo in giro solo ad ora di cena ... sennò ve lo mangiano per antipasto ... ;-) godetevi quindi un pomeriggio di tutto riposo e ... buon appetito!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan