Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.
Se la preda è debole, l'aggressore non ha bisogno di affaticarsi molto per sopraffarla e non corre il rischio di essere ferito o sopraffatto a sua volta.
D'altro canto almeno l'80% del potere che un prepotente riesce ad esercitare grazie alle sue intimidazioni lo si deve alla paura di coloro che si lasciano tiranneggiare: se lo stesso personaggio dovesse confrontarsi con gente coraggiosa il suo potere crollerebbe verticalmente.
Ma non basta: accade anche che a volte si creda di poter placare le pretese di un prepotente o di un arrogante con un atteggiamento conciliante ... come se l'arrogante possedesse qualche capacità di autolimitazione, diciamo la verità: se mai avesse posseduto una tale capacità, non sarebbe stato un arrogante!
Nulla da fare: se il prepotente incontra persone concilianti e/o addirittura remissive il suo gioco sarà sempre mirato ad alzare il tiro. Il fatto è che i prepotenti sono persone che hanno un problema con i limiti, non sanno darsene e sembra che siano portati ad andare sempre più oltre finché il limite non gli viene imposto dall'esterno ... Così se voi tollerate che qualcuno non vi rispetti, state tranquilli che questo indurrà nell'aggressore la convinzione che voi siate indifesi e quindi deboli: proprio una di quelle condizioni che esercitano su di lui un richiamo potente gonfiando e rinforzando l'aggressività contro di voi, in seguito diventerà sempre più faticoso arginarlo ...
Insomma meglio non essere pecore e neppure agnelli, specie di questi tempi!

Commenti

  1. Ben detto. E questo mi fa venire in mente la mia professione quarantennale nella Polizia. Infatti, durante le manifestazioni dei prepotenti contestatori contro le Istituzioni, non ho mai permesso che "ululassero"... ma li ho fatti sempre "belare"... ^_^

    RispondiElimina
  2. Objuankenibi ... mica sei tu quello che si è costituito per il calcio alla ragazza ferita a terra?? Ma che c'entrano gli scontri fra manifestanti e polizia? Proprio te la cerchi la polemica .... fa 'na cosa mangiati un bel brodino con le verdure che la sera è meglio stare leggeri e vattene a dormire che il sonno fa bene alla salute ... lo dico per il tuo bene e pure per il mio che non voglio litigare .... ;-) Buona notte Obiuan!

    RispondiElimina
  3. Clara, tu sai benissimo che in Ordine Pubblico, contro il lato oscuro, va usata la "Forza". E poi, non capisco perché dovremmo litigare io e te... tu non sei mica di quelli che con casco, bastoni e biglie di ferro cercano di "sfondare" con violenza delinquenziale i cordoni della Polizia... ;)

    RispondiElimina
  4. In effetti i cordoni della polizia non li ho mai sfondati, ma ho manifestato. Sai la stragrande maggioranza dei manifestanti sono gente come me: tranquilla ed inerme ... alle manifestazioni ci sono sempre andata disarmata ... e come me tutti gli altri.
    Voi siete armati ed in genere fate paura ... non tutti sono capaci di gestire le armi e la forza ... comunque la forza (quella buona) sia con te ...

    RispondiElimina
  5. Una volta in più Clara , ho occasione di ammirarti. Che la forza ( quella buona ) sia pure con noi ... Buona serata

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

L’ombra di Peter Pan

Il cielo stellato (poesia)