Pizze fritte: la ricetta delle feste e dei bambini.

Buona domenica a tutti, carissimi amici! Lo so: sono terribilmente in ritardo e non posso di certo permettermi oggi di suggerirvi una ricetta per il vostro pranzo domenicale, ma mi farò perdonare, lo giuro!
Oggi vi racconto come intrattenere piacevolmente fra risate e pastocchie i vostri bambini per tutto il pomeriggio, riuscendo nello stesso tempo a preparare anche una simpatica cena.
Avete bambini? No? Pazienza: andrà bene lo stesso, le pizze fritte piacciono a tutti, ma se avete bambini è meglio perché potrete farli giocare con l'impasto come col pongo e la plastilina e divertirvi con loro anche se sono molto piccoli e senza preoccuparvi che possano  metterlo in bocca, tanto non succede niente se lo assaggiano ed anche se lo mangiano!

Quello che vi occorre è un chilo e mezzo di farina, due cubetti di lievito di birra, sale, acqua, passata di pomodoro o pelati, basilico fresco, olio extravergine di oliva, olio per friggere, mozzarella o provola: questo per fare le pizze semplici. Se invece volete fare i calzoni fritti vi serviranno anche ricotta, salumi (prosciutto e salame) parmigiano grattugiato, uova e pepe.
Facciamo una cosa: oggi prepariamo le pizze normali con pomodoro,  mozzarella e basilico, voglio dire che già abbiamo fatto tardi ed è meglio semplificare!

Prepariamo l'impasto, per un kg. di farina io procedo così:
Metto un chilo di farina in un grande recipiente a forma di zuppiera, deve essere fatto di materiale solido e robusto altrimenti rischia di spaccarsi mentre impastate, se non lo avete usate un piano di lavoro in legno, io sciolgo i due cubetti di lievito in un bicchiere di acqua tiepida e lo verso sulla farina, aggiungo ancora circa altri 3 bicchieri da tavola di acqua e circa 3 cucchiaini da caffè di sale fino (come sa di sale lo pane altrui ... è che non sono fiorentina!) ed impasto. Tengo vicino a me un altro pacco di farina ed un altro bicchiere di acqua: man mano che l'impasto va formandosi posso avere necessità di pulire le mani ( le infarino e le stropiccio) o di bagnarle se l'impasto tende ad essere duro.
La consistenza perfetta dell'impasto è soffice ed ancora un pochino appiccicoso. Lasciate lievitare per un paio d'ore e quindi rimpastate e fate ricrescere: approfittate di queste fasi ed intervalli per giocare con i bimbi, utilizzando una piccola parte del vostro impasto, che dopo naturalmente sarà inservibile per la cucina, ma in cambio vi avrà fatto divertire come matti!
Nel frattempo preparate a parte in un tegame un bel sughetto di pomodoro con la passata, l'olio extravergine di oliva ed il basilico: richiede una cottura breve ed è pronto in una quindicina di minuti. Tagliate la mozzarella a tocchetti e conservate qualche foglia di basilico fresco.
Usate un tegame grande con abbondante olio da frittura: portate l'olio ad ebollizione quindi prendete un piccolo pezzetto di impasto e stendetelo con le  mani fino ad ottenerne una forma a disco sottile, friggetelo nel tegame con l'olio bollente e tenete conto che la pizza cresce con la cottura, deve essere girata solo una volta e quando è pronta va passata rapidamente su carta assorbente, quindi messa nel piatto e condita col sugo di pomodoro ed i tocchetti di mozzarella, decorandola anche con una fogliolina di basilico fresco.
Continuate fino ad esaurimento dell'impasto: vanno consumate caldissime e croccanti, appena pronte:
buon divertimento e buona domenica!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

L’ombra di Peter Pan

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

A proposito di blog