Anime stanche (poesia)



In alcuni momenti accade di sentirsi in comunione con l'intero universo in un'estasi euforica, come se il nostro spirito lo padroneggiasse.
In altri giorni al contrario succede di essere risucchiati e spersi, come se il mondo circostante ci inghiottisse nullificandoci nell'angoscia.
Ma è veramente strano che la perdita, anche solo temporanea, della percezione della propria individualità  nei nostri attimi contemplativi possa generare vissuti così contrastanti nell'animo.
Nient'altro che la  ingarbugliata imperfezione dell'esistente.



Anime stanche

Come  fluido denso
 procede faticoso,
 vuoto di pensiero,
infido impregna
lo spirito indolente
in ogni giuntura,
frantumandone le ossa
finché la spessa nebbia
nasconda la memoria.
L'oblio soccorre
l'anima spossata,
sussurrando
le  lusinghe
del dolce lasciarsi
annegare nel nulla.



Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan